Il gioco del trono-Capitolo 20

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.


Eddard IV
Il trono di spade
Agot.jpg
PDVEddard
LuogoApprodo del Re
Cronologia dei capitoli (Tutti)


Jon III ← Eddard  IV → Tyrion  III


Appena arrivato ad Approdo del Re, Eddard Stark viene convocato per un incontro del Concilio Ristretto per organizzare un torneo. In seguito Ditocorto lo ferma e lo conduce da Catelyn, che si sta nascondendo nella città, per discutere una strategia per avere giustizia.

Sinossi

Ned arriva ad Approdo del Re stanco e pronto per un buon pasto ed un bagno caldo. Viene però informato immediatamente da un attendente reale che è in corso un incontro urgente del Concilio Ristretto al quale non può mancare. Dopo una prima reazione seccata, Ned decide che è meglio non offendere il Concilio durante il suo primo giorno nella capitale e chiede ad un suo attendente di guidare le sue figlie nelle loro stanze e di non permettere ad Arya di andare in esplorazione.

Con indosso abiti in prestito, poichè i suoi sono ancora nei bauli, Ned arriva nella sala e trova gli altri quattro membri del concilio in sua attesa: Ditocorto, il Maestro del Conio, Varys, il Signore dei Sussurri, Renly Baratheon, il Maestro delle Leggi, e il Gran Maestro Pycelle. Varys, melenso come al solito, esprime subito il suo dispiacere per il problemi avuti da Ned sulla strada per la capitale, e lo assicura che tutti loro stanno pregando affinché il principe Joffrey si rimetta. In maniera fredda Ned gli risponde che il principe è sempre più forte ogni giorno che passa. Nel vedere Renly, Ned è colpito da quanto somigli a Robert in gioventù, ma Baelish risponde immediatamente, scherzando sul fatto che Renly veste molto meglio, considerato che spende in abiti molto più delle signore a corte.

Presentandosi per la prima volta a Ned, Ditocorto accenna al fatto che probabilmente Catelyn gli ha già parlato di lui, e Ned aggiunge che anche suo fratello Brandon aveva spesso parlato di lui con un certo calore. Ditocorto ribatte dicendo che non credeva che il calore e gli Stark andassero d'accordo, visto che vengono creduti fatti di ghiaccio e che rischiano di sciogliersi a sud dell'Incollatura. Eddard risponde di non avere intenzione di sciogliersi tanto presto e mette fine al battibecco.

Dopo un breve benvenuto del Gran Maestro Pycelle, Ned chiede dove sono gli altri membri del concilio, e viene informato che Stannis Baratheon è andato a Roccia del Drago subito dopo la partenza del re verso nord, e che sia Re Robert che ser Barristan Selmy sono ancora in viaggio. Quando Ned suggerisce di aspettare, Renly gli spiega che Robert trova noiosi argomenti come l'economia e giustizia, e aggiunge che il re ha mandato lui così da poter discutere di una questione urgente. In quel momento Ditocorto porge una lettera sigillata a Ned.

La lettera del Re contiene un'ordinanza per istituire un torneo in onore del nuovo Primo Cavaliere. La sua reazione è incredula e non affatto contenta con questa stravaganza organizzata in suo nome: il premio per il vincitore è di novantamila pezzi d'oro, senza contare le varie spese d'organizzazione. Quando chiede se il Tesoro sarà in grado di sopportare le spede, Ditocorto gli rivela che la Corona è già in debito di sei milioni di pezzi d'oro, metà dei quali appartengono ai Lannister. Ned è di stucco, soprattutto visto che i Targaryen avevano lasciato il Tesoro stracolmo d'oro. Inoltre non riesce a credere che Jon Arryn abbia permesso a Robert di ridurre sul lastrico il regno. Il consiglio però gli spiega che, nonostante Lord Arryn fosse un uomo molto prudente, il Re spesso non gli prestava ascolto. Ned insiste che il regno non si può permettere questo torneo. Rimanda la decisione a più tardi e se ne va bruscamente.

Mentre si dirige verso la Torre del Primo Cavaliere, riflettendo su tutte le cose successe nelle ultime due settimane nel viaggio verso sud, Petyr Baelish lo ferma e lo avverte che sta andando dalla parte sbagliata. Girando per la Fortezza Rossa, Ned però capisce che non si stanno dirigendo alla Torre. Quando chiede spiegazioni, Ditocorto gli dice che lo sta portando da sua moglie, ma Ned non gli crede. Alla fine Baelish lo conduce fuori dal castello, dove ad aspettarli ci sono due cavalli che li porteranno ad un bordello dove, a quanto pare, si nasconde Catelyn.

Ned, pensando di essere stato preso in giro, è furioso e punta un coltello alla gola di Ditocorto, affermando che Brandon era stato fin troppo gentile con lui. Viene interrotto da un uomo che poi riconosce essere ser Rodrik Cassel, e si tranquillizza. Mentre viene condotto al piano di sopra, dove lo sta aspettando Cat, Baelish gli spiega che un bordello è il posto perfetto per nascondersi perché alquanto improbabile.

Dopo essersi riunito con Catelyn, Ned nota le cicatrici sulle sue mani, e lei gli mostra il pugnale usato dal sicario mandato ad uccidere Bran. Ned non capisce perché mai Tyrion Lannister volesse uccidere suo figlio, ma Petyr fa notare che la ragione è ovvia, e che di certo Tyrion non ha agito da solo. Eddard dice a se stesso che Robert gli farebbe mai una cosa del genere, ma poi ripensa a tutte le cose che il re ha sostenuto o per il quale ha chiuso un occhio negli anni passati. D'altro canto Ned non ha problemi a credere che sia Cersei la responsabile. Ditocorto gli ricorda che accusare la regina è un atto di tradimento, ma con le dute prove dei coinvolgimento di Cersei, è probabile che il re ascolti.

Ned è convinto che dovrebbe raccontare l'accaduto e mostrare il pugnale al re, ma Ditocorto gli ricorda che il coinvolgimento di Tyrion non è sicuro. Catelyn aggiunge di aver già raccontato dei suoi sospetti sulla morte di Jon Arryn a Ditocorto, il quale promette ad entrambi di aiutarli a scoprire la realtà. Quando Ned chiede se Varys è a conoscenza di tutto quello che hanno discusso, gli viene risposto di no, ma Cat lo avverte che il Ragno Tessitore ha potenti risorse.

Alla fine Ned chiede a Ditocorto di lasciarlo solo con sua moglie e questo offre loro una camera nel suo bordello, ma Ned risponde che non sarà necessario, avendo poco tempo. Catelyn ringrazia Petyr per l'aiuto, e gli dice di esser contenta di aver ritrovato un fratello che pensava di aver perduto. Ned non è sicuro che ci si possa fidare di Ditocorto, ma non dice nulla. Una volta soli, Ned chiede a Catelyn di ordinare ai suoi alfieri di rafforzare le difese di Moat Cailin e di tenere d'occhio Theon Greyjoy, in caso ci sia bisogno della flotta di suo padre. Spera solo che non si arrivi ad una guerra, e che Robert gli creda quando scoprirà cos'è successo.  

Lista dei personaggi apparsi e mezionati

Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti