Il gioco del trono-Capitolo 31

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.


Tyrion IV
Il trono di spade
Agot.jpg
PDVTyrion
LuogoStrada Alta verso Nido dell'Aquila
Cronologia dei capitoli (Tutti)


Eddard VII ← Tyrion  IV → Arya  III


Tyrion Lannister scopre di essere diretto a Nido dell'Aquila e non a Grande Inverno, cosa che renderà vano ogni tentativo di salvarlo. Gli sforzi per convincere lady Catelyn Tully della sua innocenza vengono interrotti dall'attacco dei Clan delle Montagne. Durante il combattimento Tyrion salva Catelyn e successivamente spiega che l'accusa di Ditocorto ha una falla: Tyrion non scommetterebbe mai contro la sua famiglia.

Indice

Sinossi

Mentre Tyrion osserva il mercenario Chiggen uccidere il suo cavallo per poterlo mangiare si segna un altro debito che deve agli Stark: quell'animale era un regalo che Jaime gli aveva donato per il suo ventitreesimo compleanno. Il mercenario Bronn dice a Tyrion che così nessuno patirà la fame, ma Tyrion risponde che non gli piace la carne di cavallo, soprattutto del suo cavallo e Bronn replica che per i Dothraki non c'è carne migliore di quella di cavallo. Tyrion pensa poi che l'animale sia stato più fortunato, dato che lui invece ha davanti a sé molte altre giornate dure e fredde. Mentre si allontana dai mercenari, Tyrion ripensa con amarezza alla notte nella locanda.

Al momento della cattura, la sua guardia, Jyck sta per prendere la spada, ma Tyrion lo ferma, ben sapendo che avrebbe solo finito per farsi uccidere. Lady Catelyn mostra a tutti i presenti le ferite alla mano, sostenendo siano state causate da un attacco ai danni del figlio ordito da Tyrion. Tutti i presenti, fino a quel momento amichevoli nei confronti del Folletto, iniziano a chiedere che venga ucciso. Difeso solo dalle sue due guardie, Jyck e Morrec, Tyrion non può fare altro che arrendersi: l'altro suo compagno di viaggio, Yoren, in quanto membro dei Guardiani della Notte, non può intromettersi in tali questioni.

Lady Catelyn ripete, spesso e ad alta voce, che il prigioniero sarà portato a Grande Inverno per avere giustizia. Tyrion si guarda intorno nella folla e scopre che la situazione non è così pessima come sembra: dei circa cinquanta uomini presenti, lady Catelyn riesce a farne alzare solo una dozzina, così annuncia che chiunque avrebbe portato a suo padre la notizia della sua cattura sarebbe stato ricompensato profumatamente. Ser Rodrik Cassel ordina quindi alla folla di fare silenzio e Tyrion cerca di non ridere al pensiero che ser Rodrik sia così stupido da credere che il suo ordine abbia qualche effetto.

Lady Catelyn chiede quindi aiuto per condurre Tyrion a Grande Inverno e alcuni dei presenti rispondono alla richiesta. Mentre viene legato fuori dalla locanda Tyrion non ha paura, sicuro che qualcuno verrà a salvarlo e non sarebbe mai arrivato a Grande Inverno. Gli viene calato un cappuccio sugli occhi e poi parte a tutta velocità nella pioggia col resto del gruppo.

All'alba smette di piovere e a Tyrion viene finalmente tolto il cappuccio: in quel momento scopre che si trovano sulla Strada Alta diretta a Nido dell'Aquila, non sulla Strada del Re verso Grande Inverno, e perde le speranze. Gli inseguitori sono sicuramente diretti sulla strada sbagliata e quei luoghi appartenevano al defunto Jon Arryn, la cui moglie è Lysa, una Tully. Inoltre Tyrion è ancora più irritato dal fatto di essere stato battuto in astuzia da lady Catelyn.

Non gli viene più messo il cappuccio e dopo la seconda notte non viene neanche più legato. Non molto tempo dopo nessuno si preoccupa più neanche di sorvegliarlo, non potendo comunque andare da nessuna parte: il terreno è duro e selvaggio, la strada non è altro che un sentiero roccioso e le montagne pullulano di pantere-ombra e di guerrieri dei Clan delle Montagne.

Durante il viaggio Tyrion si assicura di imparare i nomi dei suoi carcerieri, così da poterli ricompensare adeguatamente: “Un Lannister paga sempre i suoi debiti”. Ha un odio particolare nei confronti del cantastorie Marillion, che incolpa per tutta la situazione, e che in quel momento sta cercando parole che facciano rima con “Folletto” per scrivere una canzone sulla loro avventura.

Catelyn, ser Rodrik e altri uomini stanno discutendo sul da farsi e l'inseguimento dei Lannister, quando Tyrion gli interrompe dicendo che ci sono poche possibilità di essere raggiunti. Kurleket replica seccato che Catelyn non ha chiesto la sua opinione, ma la donna lo fa parlare lo stesso: Tyrion dice quindi che gli inseguitori sono diretti all'Incollatura, non a Nido dell'Aquila. Aggiunge inoltre che non troveranno aiuto fino a quando raggiungeranno la Valle e che al loro passo attuale perderanno solo altri cavalli, finendo per appesantire quelli rimasti. Questa andatura potrebbe molto probabilmente causare la morte di Tyrion, eventualità che Catelyn vuole evitare. La donna risponde che gli Stark non sono assassini e anche Tyrion dice di non esserlo e di non essere neppure stupido, dato che non darebbe mai a un comune brigante una sua arma.

Per un momento Tyrion riesce a vedere il dubbio negli occhi di Catelyn, ma lei chiede perché Ditocorto dovrebbe mentire. Tyrion risponde che mentire è nella natura di Ditocorto e dice di quante volte l'uomo si è vantato di aver preso la verginità di Catelyn, un'affermazione che la donna nega con rabbia. Dice a Tyrion di essere un uomo malvagio e l'uomo le da della stupida, sostenendo che Ditocorto ama solo sé stesso ed era solo interessato a fare sesso con lei. Kurleket mette un coltello alla gola di Tyrion e chiede se può ferirlo, ma Catelyn, ancora, dice di lasciarlo parlare. Tyrion chiede come è entrato in possesso dell'arma, secondo la versione di Ditocorto, e Catelyn spiega che l'ha vinta a un torneo proprio da Ditocorto, dopo che il Cavaliere di Fiori ha sconfitto in duello suo fratello.

L'urlo di una sentinella che avverte dell'arrivo di uomini a cavallo li interrompe e Catelyn organizza le difese. Tyrion urla a Catelyn di dare a lui e ai suoi uomini delle armi, perché avranno bisogno di ogni uomo possibile e lei lo sa. Entrambi inoltre sanno che i clan delle montagne, che sono più che felici di ammazzarsi tra loro, non faranno differenza tra Lannister e Stark. Lharys scende dal pendio e dice che stanno arrivando circa 25 uomini, del clan Latte di Serpente e Fratelli della Luna. Ser Willis Wode chiede a Marillion aiuto con la placca pettorale, ma il cantastorie è paralizzato dalla paura ed è Morrec ad aiutarlo.

Tyrion implora di nuovo Catelyn dicendole che non può permettersi di perdere uomini a sorvegliarli: le promette che deporrà le armi dopo il combattimento e la donna concede a lui e i suoi uomini delle armi. Morrec prende un arco, con cui combatte meglio che con una spada, e Bronn passa a Tyrion un'ascia bipenne. Quando il Folletto dice di non saper usare un'ascia, Bronn gli consiglia di fingere di tagliare la legna.

Tyrion raggiunge Marillion nel suo nascondiglio. Il cantastorie si lamenta di non essere un guerriero e di non voler partecipare allo scontro, ma Tyrion riesce a nascondersi lo stesso. Gli uomini dei clan appaiono in lontananza, armati da un'ampia varietà di strumenti e guidati da un uomo enorme avvolto nella pelle di pantera-ombra armato di una spada lunga. I cavalieri e i mercenari rispondono alla carica. Mentre gli altri gridano “Grande Inverno” e “Harrenhal”, Tyrion si trova a combattere contro il desiderio di alzarsi e gridare “Castel Granito”: dal suo nascondiglio vede Bronn andare contro gli avversari, colpendo a destra e sinistra, mentre ser Rodrik affronta il capo. Marillion strilla quando un cavaliere salta sopra di loro. Quando il cavaliere si gira, Tyrion parte all'assalto e taglia la gola al cavallo, così che sia l'animale, sia il cavaliere cadano addosso a Marillion. Tyrion poi colpisce l'uomo alla gola e ne approfitta per rompere le dita del cantastorie con uno stivale.

Tyrion rimane ai margini dello scontro per il resto della battaglia, emergendo solo per colpire i cavalli alle zampe o uccidere i feriti, prendendo l'elmo di uno. Vede Jyck morire e ruba il pugnale dal corpo di Kurleket. Quando sente una donna urlare, Tyrion corre ad aiutare lady Catelyn, anche se pensa che dovrebbe lasciarla al suo destino: colpisce il primo uomo nelle ginocchia e Catelyn uccide il secondo, che barcolla dopo un colpo ricevuto da Tyrion, il terzo invece si dà alla fuga. A quel punto la battaglia si conclude.

Bronn prende gli stivali di Jyck e chiede a Tyrion se quello era il suo primo scontro armato, domanda a cui Tyrion risponde affermativamente. Bronn dice quindi che ha bisogno di una donna, non c'è nulla di meglio di una donna dopo aver ucciso un uomo per la prima volta. Osservando lady Catelyn intenta a bendare una ferita di ser Rodrik, Tyrion dice al mercenario scherzando che lui ci starebbe, se lei volesse.

Osservando i nemici morti, Tyrion nota che sono magri, con i vestiti laceri e armi tutt'altro che interessanti. Il loro capo con la pelle di pantera-ombra non è così grosso o terribile come sembrava ora che è stato privato del suo mantello e la spada è intaccata e fatta male. Il loro gruppo ha invece subito solo tre perdite: il soldato della Casa Bracken Mohor, Kurleket e la guardia di Tyrion, Jyck. Tyrion ricorda la carica sul cavallo senza sella di Jyck e pensa che è stato uno stupido fino alla fine.

Ser Willis Wode insiste nel proseguire in fretta prima dell'arrivo di altri nemici, ma lady Catelyn desidera fermarsi e seppellire i morti. Quando ser Willis fa notare che il terreno è troppo roccioso per scavare, Catelyn suggerisce di raccogliere pietre per formare dei tumuli: Bronn dice però all donna di fare quello che le pare, ma lui e Chiggen hanno cose migliori da fare che raccogliere sassi, ovvero respirare. Quando anche ser Rodrik dice di essere d'accordo con Bronn, lady Catelyn, arrabbiata, è costretta ad assecondare gli altri e proseguire. Ora hanno molti cavalli: mentre Tyrion sale su quello di Jyck, Lharys gli chiede il pugnale che lui aveva preso dal corpo di Kurleket, ma Catelyn si intromette, dicendo di restituire a Tyrion anche l'ascia.

Tyrion è compiaciuto nel sapere che Marillion si è rotto alcune costole, quattro dita e ha perso l'arpa, ma non è contento di scoprire che il cantastorie si è appropriato della meravigliosa pelle di pantera-ombra. Marillion, per una volta, non ha niente da dire e Tyrion lo vede tremare quando sentono delle pantera-ombra avventarsi sui cadaveri che si sono lasciati alle spalle. Raggiunge il cantastorie e gli fa notare che è un peccato che “codardo” non faccia rima con “divorato”. Aumenta poi l'andatura per affiancarsi a lady Catelyn. Tyrion riprende il discorso che avevano dovuto interrompere e fa notare alla donna che c'è una grossa falla nella storia di Ditocorto: lui non scommette mai contro la sua famiglia.

Lista dei personaggi

Apparsi

Menzionati


Luoghi e termini menzionati



Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti