Il gioco del trono-Capitolo 35

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.


Eddard IX
Il trono di spade
Agot.jpg
PDVEddard
LuogoApprodo del Re
Cronologia dei capitoli (Tutti)


Catelyn VI ← Eddard  IX → Daenerys  IV


Ditocorto porta Ned al bordello visitato prima di morire da Jon Arryn. Qui, parlano con una giovane prostituta madre di una figlia con i lineamenti di re Robert. Di ritorno alla Fortezza Rossa, la pattuglia che accompagna Ned viene colta in un imboscata da Jaime Lannister e da una ventina dei suoi uomini. Per vendicare il rapimento di suo fratello, Jaime fa sterminare la scorta di Ned. Nella lotta, Ned si rompe una gamba e perde conoscenza.

Indice

Sinossi

Ned trova Ditocorto nella sala comune del Bordello di Chataya a parlare con un’elegante donna dalla pelle scura. La sua guardia personale Heward sta scommettendo con una prostituta sulla rimozione dei suoi abiti, mentre Jory Cassel attende che Ned annunci di aver concluso il suo lavoro in quel luogo. Jory si avvicina ai cavalli mentre Ditocorto fa una battuta su quale parte del corpo del re possa sostituire il Primo Cavaliere del Re come vicario del sovrano in un bordello. Non in vena delle battute di Ditocorto, Ned dichiara seccamente di non essere più Primo Cavaliere. Fuori piove mentre gli uomini salgono sui cavalli. Durante la cavalcata nelle strade deserte, Ditocorto racconta a Ned di essere interessato a comprare il bordello, secondo lui un investimento migliore delle navi: non affonda e i pirati pagano lo stesso oro di tutti. Lungo la strada del ritorno verso la Fortezza Rossa continua a piovere e Ned si ricorda della notte in cui sua sorella Lyanna era stata promessa a Robert. Lyanna gli aveva confessato che Robert non si sarebbe mai accontentato di stare in un solo letto. Ned, che all’epoca già aveva conosciuto la prima figlia bastarda di Robert, la assicura dicendo lei che uomo d’onore fosse Robert e di come l’avrebbe amata con tutto il cuore. Da parte sua Lyanna è però convinta che nessuno possa cambiare la vera natura di un uomo. Dopo quello che ha visto quella notte, Ned, non può che essere d’accordo con sua sorella.

Ciò che Ned doveva fare quella notte nel bordello di Chataya, era incontrare la prostituta madre di uno dei bastardi reali, Barra. La bimba somiglia molto a Robert e la madre è addirittura orgogliosa di mostrare a Ned il naso e i capelli della piccola, identici a quelli del re. Ned ancora ricorda di come i capelli della primogenita di Robert fossero uguali a quelli della bambina che ha davanti. La giovane gli chiede di far sapere a Robert quanto sia bella la loro figlia, di dirgli che dopo di lui non ha avuto altri uomini nell’attesa che lui tornasse. Eddard promette quindi assistenza per lei e per la figlia. Mentre cavalca, Ned pensa di essere stato maledetto per aver dovuto mantenere promesse tutta la sua vita, mentre Robert giura amore eterno al pomeriggio per poi dimenticarsene al tramonto.

Ned pensa a Jon Snow e si chiede perché, se gli dei disprezzino tanto i bastardi, abbiano donato agli uomini la lussuria. Successivamente chiede a Ditocorto informazioni sui bastardi di Robert. L’uomo gli risponde di non essere sicuro di quanti siano esattamente. Inizia a parlare approfonditamente del bastardo universalmente riconosciuto di Robert, Edric Storm, figlio di una cugina di sua cognata. Ditocorto parla anche di un paio di gemelli figli di una serva di Castel Granito, fatti uccidere da Cersei. Ned è sorpreso che Robert possa accettare che queste cose accadano, ma poi si ricorda che il Robert attuale è abituato a chiudere gli occhi e guardare altrove.

Ned domanda allora per quale motivo Jon Arryn si fosse improvvisamente interessato tanto dei bastardi di Robert. Baelish suggerisce che probabilmente gli è stato chiesto da Robert in quanto Primo Cavaliere. Secondo Ned, Jon è stato però ucciso per qualcosa d’altro. Ditocorto suggerisce ridendo che, se Jon è stato ucciso per aver scoperto della prole bastarda di Robert, il prossimo potrebbe addirittura arrivare a dire che il sole sorge a est. I pensieri di Ned si ritrovano a vagare verso Rhaegar Targaryen, e si domanda se l’uomo abbia mai visitato i bordelli, ritenendolo subito incapace di un’azione simile.

Improvvisamente vengono circondati da almeno venti soldati Lannister. Jaime Lannister si fa strada tra la folla di uomini e dichiara di essere in cerca di suo fratello, il quale apparentemente ha avuto qualche problema sulla strada del ritorno. Ned gli comunica che Catelyn lo ha preso prigioniero in attesa che risponda dei suoi crimini. Questa affermazione fa grugnire Ditocorto e avanzare Jaime che sguaina nel frattempo la sua spada. Jaime chiede a Ned di estrarre la sua, sostenendo di poterlo uccidere ma preferendo di vederlo morire con la spada in mano. L’uomo suggerisce anche a Ditocorto di allontanarsi, a meno che non voglia che i suoi vestiti costosi si sporchino di sangue. Baelish non se lo fa ripetere due volte e comunica a Ned che sarebbe tornato accompagnato dalla Guardia Cittadina.

Le guardie Stark estraggono le loro spade, ma sono in netta inferiorità numerica e Ned ricorda a Jaime che se egli dovesse morire, Catelyn ucciderebbe certamente Tyrion. Jaime non è completamente sicuro che ciò possa accadere, ma non è disposto a rischiare e dice agli uomini di non fare del male a Ned. Siccome si rifiuta però di fare allontanare l'ex Primo Cavaliee completamente incolume, ordina ai suoi uomini di uccidere le sue guardie. Ned e i suoi uomini vengono presto sopraffatti e Heward e Wyl vengono uccisi. Jory riesce a liberarsi ma torna immediatamente indietro e viene ucciso. Nella confusione, il cavallo di Ned inciampa e cade mentre lui perde conoscenza a causa del dolore provocato dalla rottura della gamba.

Quando riapre gli occhi, Ned si trascina tra il fango. All’arrivo di Ditocorto e delle Cappe Dorate, Ned ha raggiunto il corpo morto di Jory Cassel e lo culla. Successivamente viene portato dolorante alla Torre del Primo Cavaliere dove il Gran Maestro Pycelle lo attende per curarlo.

Lista dei personaggi=

Apparsi


Menzionati


Luoghi e termini menzionati

Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti