Il gioco del trono-Capitolo 9

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.


Tyrion I
Il trono di spade
Agot.jpg
PDVTyrion
LuogoGrande Inverno
Cronologia dei capitoli (Tutti)


Bran II ← Tyrion  I → Jon  II


Tyrion incontra suo nipote Joffrey e insiste affinchè lui porga la sua solidarietà agli Stark, prima di raggiungere suo fratello e sua sorella per colazione con la notizia che Bran Stark molto probabilmente sopravvivrà.

Sinopsi

Tyrion ha letto per tutta la notte nella biblioteca di Grande Inverno, quando sente un ululato. Smette di leggere, notando che è quasi l’alba e che Septon Chayle si è addormentato. Tyrion lo sveglia ed esce per fare colazione. Mentre esce, Tyrion sente il Mastino che si lamenta del fatto che Bran Stark impieghi troppo tempo per morire. Il Principe Joffrey afferma che almeno Bran sta morendo in silenzio, mentre gli ululati del suo metalupo continuano a disturbare il suo sonno. Il Mastino si offre di uccidere l’animale, cosa che Joffrey trova divertente, credendo che gli Stark nemmeno si accorgerebbero della sua mancanza. Tyrion interviene, sostenendo che gli Stark sappiano contare fino a sei, a differenza di alcuni principi.

Il Mastino usa la sua osservazione come scusa per prendersi gioco dell’altezza di Tyrion, il quale ignora il suo commento e raccomanda Joffrey di fare visita agli Stark per presentare la sua solidarietà. Quando Joffrey chiede a cosa possa servire tale gesto, Tyrion gli dice che la sua assenza è stata notata. Joffrey continua a rifiutarsi, ma Tyrion comincia a schiaffeggiarlo e ad insistere al punto di farlo arrivare alle lacrime, finchè il ragazzo non acconsente. Il Mastino, incombente su Tyrion, lo avverte del fatto che il principe si ricorderà di come suo zio l’abbia schiaffeggiato. Tyrion risponde che lui ci spera, e che il Mastino debba comportarsi da bravo cane e ricordarlo a Joffrey nel caso in cui lui se ne dimenticasse.

Poi Tyrion si mette in cerca di suo fratello e di sua sorella, i quali sono a colazione nelle sale degli ospiti di Grande Inverno. Chiede se Re Robert è ancora a letto e Cersei spiega sdegnosamente che Robert è stato in piedi tutta la notte con Lord Eddard e che il loro dolore lo ha colpito profondamente nel cuore. Quando Jaime aggiunge che Robert abbia un gran cuore, Tyrion ricorda che durante la sua infanzia Jaime è stata l’unica persona che abbia mai dimostrato un minimo di affetto o rispetto nei suoi confronti. Così, in cambio Tyrion è disposto a perdonargli quasi ogni cosa.

Mentre Tyrion ordina la colazione, il Principe Tommen chiede di Bran e dice che non vuole che lui muoia. Jaime commenta sul nome “Brandon” dicendo che è sfortunato, ma Tyrion dissente in questo caso, in quanto secondo Maestro Luwin Bran potrebbe sopravvivere. Mentre parla, Tyrion coglie un’occhiata breve ma significativa tra Jaime e Cersei. Cersei insiste immediatamente sul fatto che non sarebbe misericordioso se Bran sopravvivesse. Quando Myrcella chiede se Bran starà bene, Tyrion risponde che Bran non potrà mai più camminare. Tyrion continua dicendo che il metalupo che ulula fuori dalla sua finestra potrebbe contribuire alla sopravvivenza di Bran: infatti quando la finestra è chiusa Bran diventa più debole, invece quando è aperta il suo cuore riprende a battere più forte. Cersei risponde che i lupi la disturbano, che sono pericolosi e che non li vuole al Sud con loro, ma Jaime le dice che i metalupi delle ragazze le seguiranno senza dubbio ad Approdo del Re.

A questo punto Tyrion rivela alla sua famiglia la sua intenzione di visitare la Barriera prima di tornare al Sud. Jaime scherza e spera che Tyrion non voglia prendere il nero, ma Tyrion scherza di rimando dicendo che se lo facesse tutte le puttane sarebbero in lutto. Cersei se ne va rapidamente con i suoi bambini, sdegnata dal linguaggio volgare del fratello, mentre Jaime si chiede se Eddard lascerà Grande Inverno con Bran in bilico tra la vita e la morte. Tyrion insiste che sarà Re Robert a decidere per Eddard.

Jaime dichiara che se fosse al posto di Eddard, porrebbe fine al tormento di Bran e lo salverebbe dall’essere storpio. Tyrion, facendogli notare la propria deformità, avverte Jaime dicendogli di stare attento a ciò che dice, soprattutto in presenza di Lord Eddard; poi si chiede cosa potrebbe raccontare Bran nel momento in cui si svegliasse. Jaime non è divertito da questa osservazione e si chiede da che parte possa stare Tyrion. Quest’ultimo gli risponde dicendo che Jaime sa bene quanto lui ami la sua famiglia.

Personaggi apparsi e menzionati


Luoghi e termini menzionati

Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti