Il banchetto dei corvi

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.
(Reindirizzamento da L'ombra della profezia)
Il Banchetto dei Corvi
Affc.jpg
Copertina dell'edizione italiana Urania

Autore

George R. R. Martin

Lingua originale

Inglese

Saga

Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco

Genere

Fantasy

Traduttore

Sergio Altieri

Michela Benuzzi

Editore italiano

Arnoldo Mondadori Editore

Anno prima pubblicazione italiana

2006

Divisione italiana

Il Dominio della Regina, L’Ombra della Profezia

Pagine

964 (Il Dominio della Regina, L’Ombra della Profezia)

ISBN

88-04-52060-4 (Il Dominio della Regina, 2006)

978-88-04-57257-2 (L’Ombra della Profezia, 2007)

88-04-57235-0 (Il Dominio della Regina, 2007)

88-04-58323-1 (L’Ombra della Profezia, 2008)

Seguito

A Dance with Dragons

Il Banchetto dei Corvi è il quarto dei sette romanzi previsti de Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco, una saga High Fantasy dello scrittore americano George R. R. Martin. Il romanzo viene pubblicato per la prima volta il 17 ottobre 2005 nel Regno Unito, mentre negli Stati Uniti viene pubblicato il seguente 8 novembre 2005; il libro tuttavia appare in molte librerie del Regno Unito prima della data di pubblicazione. La pubblicazione viene preceduta da una novella chiamata Arms of the Kraken (I tentacoli del Kraken), che contiene i primi quattro capitoli ambientati nelle Isole di Ferro. Arms of the Kraken viene pubblicato nell'edizione di agosto 2002 dalla rivista Dragon Magazine. Un altro libro contenente tre capitoli di Daenerys viene pubblicato per il BookExpo 2005, sebbene questi capitoli vengano poi spostati nel quinto volume della saga, A Dance with Dragons.

Come A Storm of Swords, A Feast for Crows viene nominato agli Premio Hugo, uno dei premi più prestigiosi nell'editoria di fantascienza e fantasy, per la categoria Miglior Romanzo. A vincere poi il premio nel 2006 è il romanzo Spin di Robert Charles Wilson. A Feast for Crows è anche il primo romanzo della saga ad essere in vetta alla classifica dei Bestseller del New York Times già dal suo debutto, un risultato raggiunto solo da altri tre scrittori fantasy: David Eddings, Robert Jordan e Neil Gaiman.

A causa di alcuni problemi emersi durante la fase di scrittura, A Feast for Crows include solamente alcuni dei personaggi narranti dei precedenti romanzi, ma anche nuovi personaggi apparsi solo brevemente. I restanti personaggi tornano in A Dance with Dragons, il quinto libro. Nell’edizione italiana è diviso in due libri: Il Dominio della Regina e L’Ombra della Profezia.

Indice

Contenuto

Articolo principale: Riassunti Capitoli

A Feast for Crows riprende la storia da dove si era interrotta in A Storm of Swords, e racconta gli eventi in maniera simultanea a quelli del romanzo seguente, A Dance with Dragons. La Guerra dei Cinque Re sembra placarsi. Robb Stark, Joffrey Baratheon, Renly Baratheon e Balon Greyjoy sono morti. Re Stannis Baratheon si è rifugiato sulla Barriera, dove Jon Snow è diventato Lord Comandante dei Guardiani della Notte. Re Tommen Baratheon, fratello di Joffrey, a soli otto anni regna su Approdo del Re sotto l'occhio attento di sua madre, la Regina Reggente Cersei Lannister. Lord Tywin Lannister è morto, assassinato da suo figlio Tyrion mentre fuggiva dalla città. Sansa Stark si nasconde nella Valle di Arryn, protetta da Petyr Baelish, il quale ha assassinato sua moglie Lysa Tully e si è autoproclamato Protettore della Valle e tutore del giovane Lord Robert Arryn.

Il romanzo si espande per un arco di tempo di diversi mesi, nella prima metà dell'anno 300 dopo l'Approdo di Aegon, e forse anche oltre.

Nei Sette Regni

A Vecchia Città, un giovane novizio della Cittadella di nome Pate ruba una chiave da uno dei maestri e la vende ad un uomo misterioso che si fa chiamare l'alchimista. Poco dopo aver ricevuto il suo pagamento, Pate collassa a terra.

Ad Approdo del Re si tiene il funerale di Tywin Lannister. Cersei viene disgustata dal comportamento di Lord Mace Tyrell, che cerca di sfruttare l'occasione per proporsi come Primo Cavaliere del Re e far entrare nel Concilio Ristretto alcuni dei suoi servitori di Alto Giardino. Cersei lo respinge senza mezzi termini e chiede a suo zio Kevan di servire come Primo Cavaliere. Kevan le risponde che l'unica condizione perchè accetti la carica è che Cersei si faccia da parte come Reggente e torni a Castel Granito come erede di Tywin. Cersei rifiuta con rabbia, e Kevan decide di andarsene per aiutare suo figlio Lancel a governare il castello di Darry nelle Terre dei fiumi. Alla fine Cersei nomina Primo Cavaliere l'arrendevole Harys Swyft e riempie i posti vacanti nel Concilio Ristretto con i suoi lacché, tra cui Gyles Rosby come Maestro del Conio, il mercenario Aurane Waters come Maestro della Flotta, e l'ex maestro della Cittadella Qyburn, ora caduto in disgrazia, come Capo dello Spionaggio.

Alla Barriera, Samwell Tarly riceve una nuova missione da Jon Snow. Sam deve portare Maestro Aemon alla Cittadella di Vecchia Città viaggiando per mare e, una volta lì, fare ricerche sugli Estranei. Queste informazioni potrebbero rivelarsi fondamentali se si dovesse arrivare ad una guerra. Ad accompagnarlo ci saranno la ragazza dei bruti Gilly ed il cantastorie Dareon, incaricato di trovare nuovi uomini che possano prendere nero. Jon è impegnato a ricomporre i Guardiani dopo la Battaglia a Castello Nero, e teme per il piano di Melisandre di bruciare vivo Mance Rayder, tenuto prigioniero, in un tentativo di resuscitare i draghi di pietra. Sam, Aemon e Gilly attraversano il Mare Stretto su una nave ed arrivano nella Città Libera di Braavos, ma Aemon non è in buona salute. Gilly piange per tutta la durata del viaggio, ed Aemon rivela a Sam che la bruta è stata forzata a scambiare suo figlio con quello di Mance (sempre per evitare che Melisandre lo bruci vivo). A Braavos, la salute di Aemon peggiora e i tre perdono la nave che doveva portarli a sud. Dareon guadagna cantando, ma spende tutti i soldi in vino e prostitute, lasciando il gruppo a bocca asciutta. Alle orecchie del cantastorie arrivano voci di un drago a tre teste a Meereen. Dopo un violento confronto con Dareon, Sam incontra un abitante delle Isole dell'Estate che ha visto i draghi di Daenerys Targaryen a Qarth. Aemon inizia a credere che sarà Daenerys a compiere la profezia del Principe che fu Promesso, ragionando sul fatto che nella profezia non si specificava il sesso del leader. Decide di voler raggiungere Meereen, e l'uomo delle Isole dell'Estate accetta di portarli fino a Vecchia Città. Sfortunatamente, durante il viaggio Aemon muore di cause naturali. Le sue ultime istruzioni a Sam sono quelle di rivelare ai maestri della Cittadella cosa sta succedendo e spiegare che devono inviare il loro aiuto a Daenerys. Durante il viaggio Gilly e Sam diventano amanti.

Brienne di Tarth continua la sua missione alla ricerca di Sansa. Podrick Payne, precedentemente scudiero di Tyrion, la trova e Brienne gli permette di accompagnarla. Viaggiando verso nord passano per la città di Duskendale, dove s'imbattono in un'armata Tyrell comandata da Lord Randyll Tarly, e al duo si unisce una vecchia conoscenza di Brienne, Ser Hyle Hunt. Il viaggio la porta prima a Punta della Chela Spezzata, dove uccide diversi membri dei Guitti Sanguinari, una compagnia ormai frammentata, e poi ad un monastero all'estuario del Tridente. Il confratello anziano del monastero le dice di aver trovato Sandor Clegane morente sotto un albero, e scopre che il Mastino si trovava con Arya Stark, ora in fuga verso la costa. La ricerca di Brienne la porta fino a Maidenpool e Padelle Salate, ma non trova nessuna traccia di Arya. Il gruppo si imbatte contro quel che resta della Fratellanza senza Vessilli, e Brienne viene catturata. Thoros di Myr le dice che Beric Dondarrion è morto donando la sua vita per salvarne un'altra. La portano dalla non-morta Catelyn Stark, che ora chiamano Lady Cuoredipietra. Catelyn crede che Brienne l'abbia tradita permettendo a Jaime di essere libero senza aver però ridato indietro le sue figlie. Offre a Brienne la possibilità di redimersi uccidendo Jaime; quando Brienne rifiuta, Lady Couredipietra ordina che lei, Podrick e Hunt vengano impiccati. Mentre le sistemano il cappio al collo,


Gridò una parola
(Brienne di Tarth)


La flotta di Paxter Redwyne proveniente da Arbor arriva a Roccia del Drago e il castello viene messo sotto assedio, mentre Mace Tyrell attacca Capo Tempesta e mette fine una volta per tutte alle pretese dei lealisti di Stannis che si trovano nel sud. Cersei fa assassinare il Sommo Septon così che possa essere rimpiazzato da qualcuno a lei leale, ma il nuovo arrivato si rivela essere un despota zelante che ha il supporto dei rifugiati di guerra ammassati nella città. Si offre di velocizzare l'incoronazione di Tommen e di condonare i debiti verso il Culto se Cersei ristabilisce il Credo Militante. Cersei accetta, scatenando l'orrore del Gran Maestro Pycelle.

A Nido dell'Aquila, Ditocorto deve confrontarsi con diversi lord della Valle, scontenti del fatto che Baelish sia diventato il governante dopo la morte di Lady Lysa Arryn. Uno dei lord, in precedenza corrotto da Ditocorto, infrange la tradizione portando una spada all'incontro. Ditocorto usa questo insulto per cambiare le carte in tavola con i lord, che alla fine si trovano costretti ad accettarlo come Lord Protettore del piccolo Lord Robert Arryn per un anno. In seguito Baelish parla dell'inganno con Sansa (che gioca la parte della sua figlia bastarda, Alayne Stone), e rimane sorpreso per la velocità con cui la ragazza capisce le sottigliezze del suo piano. Le rivela che in caso succedesse qualcosa al piccolo Robert, Nido dell'Aquila e il nome Arryn passerebbero a Harrold Hardyng, lontano nipote della casata, e se Harry e Sansa si sposassero, questo le farebbe guadagnare un'armata con cui potrebbe rivendicare Grande Inverno. Mentre Sansa riflette sul piano, le condizioni del tempo peggiorano, segno che l'inverno è quasi arrivato sui Sette Regni, e che gli abitanti della Valle devono trasferirsi ai Cancelli della Luna, alla base della montagna su cui si trova Nido dell'Aquila. Durante il trasferimento Sansa diventa amica di Mya Stone, una delle figlie bastarde di Re Robert Baratheon. Sansa è nel frattempo diventata la nuova figura materna per il cagionevole Robert.

Jaime lascia Approdo del Re per dare una mano a porre fine all'assedio di Delta delle Acque, dove gli assedianti Frey e Lannister devono affrontare la resistenza dello zio e castellano di Lord Edmure Tully, Brynden detto 'Pescenero'. Jaime preleva il prigioniero Edmure dalle Torri Gemelle e promette di non fargli del male e di permettere al popolino del castello di restare in cambio dell'arresa di Brynden. Dopo un lungo assedio, in cui Edmure viene portato giornalmente al patibolo (un tentativo di minaccia dei Frey fallito), Brynden rifiuta i termini di resa di Jaime. Jaime fa scendere Edmure dal patibolo, e negozia con lui la resa, essendo lui il vero lord del castello. Edmure torna a Delta delle Acque, ma ritarda la resa di mezza giornata, permettendo così allo zio di fuggire tramite uno degli acquedotti del castello. Furioso, Jaime invia Edmure a Castel Granito sotto stretta sorveglianza. Emmon Frey può finalmente prendere il suo posto come attuale lord di Delta delle Acque. Poco dopo la fine dell'assedio, la neve inizia a cadere sulle Terre dei Fiumi. L'inverno è arrivato. Jaime capisce che non ci sarà più tempo per un altro raccolto. I Sette Regni soffriranno duramente per quello dovranno affrontare.

Gli uomini di ferro prendono d'attacco l'Altopiano, conquistando le Isole Scudo e bloccando la sorgente del fiume Vino di Miele e la strada per Vecchia Città. Furiosi, Margaery Tyrell e suo fratello Loras chiedono a Cersei aiuto, ma Cersei è riluttante. Dà il permesso a Lord Redwyne di prendere la sua flotta verso casa e distruggere gli uomini di ferro, ma solo dopo che Roccia del Drago verrà conquistata. Loras dirige un assalto al castello e lo conquista, ma viene ferito gravemente durante l'attacco. Le proteste di Margaery irritano Cersei, e la regina reggente inizia ad avere dubbi sul suo ruolo come moglie di Tommen. Elabora un piano per rovinare Margaery agli occhi del Credo, incastrandola per aver avuto rapporti sessuali con una delle guardie di Cersei. Sfortunatamente il piano le si rivolta contro, quando il nuovo Sommo Septon fa flagellare la guardia che aveva compiuto la denuncia per assicurarsi della verità della vicenda, e quest'ultimo rivela anche le numerose sconvenienze di Cersei. Il Credo fa arrestare sia Cersei che Margaery. Kevan Lannister viene richiamato alla capitale per agire come reggente e Primo Cavaliere. Cersei chiede a Jaime di tornare per difenderla, ma la sua richiesta non riceve risposta. Mace Tyrell toglie l'assedio su Capo Tempesta solo dopo poche settimane dal suo inizio per tornare verso la capitale e scoprire del destino di sua figlia, mentre Randyll Tarly marcia dal nord verso la città. Nel frattempo, Aurane Waters si da alla fuga con la flotta reale appena ricostruita.

La barca di Sam raggiunge Citta Vecchia, scampando per poco agli attacchi degli uomini di ferro. Scopre che quest’ultimi hanno assaltato territori dell'Arbor, e fallito nel tentativo di bruciare il porto di Città Vecchia. Sam va alla Cittadella, ma viene intercettato dall'Arcimaestro Marwyn. Marwyn gli rivela che gli altri Arcimaestri non verranno impressionati dalle sue rivelazioni su Daenerys. Quando Sam chiede a Marwyn come sapeva del suo arrivo, quest'ultimo gli rivela che la Cittadella possiede alcune delle antiche candele di ossidiana di Valyria, da cui possono vedere cose lontane. Marwyn afferma che quasi due secoli prima i maestri avevano aiutato ad uccidere gli ultimi draghi, per liberare per sempre il modo dalla magia, ma che ora questa è tornata. Marwyn parte immediatamente per la Baia degli Schiavisti, dicendo a Sam di studiare sodo e velocemente, perché la Barriera avrà bisogno dei suoi servigi. Sam è lasciato in compagnia di due studenti, Alleras la Sfinge e un ragazzo di nome Pate.

Nella Città Libera di Braavos

Arya Stark trova la strada per la Casa del Bianco e del Nero, un tempo del Dio dai Mille Volti. Qui, viene introdotta tra le file degli Uomini senza Volto come novizia. Impara che gli Uomini senza Volto non sono solo una banda di assassini esperti, ma anche una setta religiosa risalente a molto prima del Disastro di Valyria. Considerano i loro omicidi come sacramenti al loro dio della morte. Un Uomo senza Volto non deve avere un'identità: Arya assume il ruolo di 'Gatta dei Canali' e diventa conosciuta tra le strade della città. Tuttavia, a volte, la sua vecchia identità riemerge. Nasconde la sua spada, Ago, invece di sbarazzarsene e successivamente uccide Dareon per aver infranto il suo giuramento dei Guardiani della Notte. In qualche modo i preti della Casa del Bianco e del Nero la rendono cieca, ma non è chiaro se questo faccia parte della sua formazione o sia una punizione per la trasgressione.

Sulle Isole di Ferro

Dopo la morte di Re Balon Greyjoy, viene convocato un’acclamazione di re da Aeron Capelli Bagnati, il fratello più giovane di Balon e il più rispettabile prete del Dio Abissale. Con Theon Greyjoy tenuto prigioniero dai Bolton a Forte Terrore, i candidati con la pretesa più forte sono i fratelli di Balon: Victarion e Euron Occhio di Corvo, appena tornato dall'est. Anche Asha Greyjoy, figlia di Balon, tenta di reclamare il Trono del Mare per se, nonostante sia una donna. L’acclamazione si trova in una situazione di stallo tra i tre, fino a quando Euron rivela il suo piano di porre il suo controllo sui draghi di Daenerys con l'uso della magia e di governare quindi il Continente Occidentale.Viene quindi incoronatpo Euron, e Asha sparisce verso nord con le sue navi. Anche Aeron, che considera Euron un eretico, parte per ottenere il supporto del popolo contro di lui.

Euron lancia un'ambiziosa campagna contro l'Altopiano, inviando navi sotto il controllo del fratello Victarion per conquistare le Isole Scudo, e assediare la costa. La voglia iniziale di saccheggio viene tuttavia saziata da incursioni nel Continente Occidentale, e sia il supporto ottenuto grazie al viaggio programmato oltre il Mare Stretto, sia la sua presa sugli uomini di ferro iniziano a vacillare. Capisce che deve rimanere e consolidare il suo controllo. Victarion accetta di andare alla Baia degli Schiavisti e di consegnare la proposta di matrimonio di Euron a Daenerys. Tuttavia, l'odio di Victarion verso il fratello per essere andato a letto con sua moglie lo convince a rivendicare il ruolo, corteggiando lui stesso Daenerys.

A Dorne

La notizia della morte di Oberyn Martell per mano di Gregor Clegane (nonostante anche quest'ultimo sia stato ferito a morte durante il duello in cui il primo perde la vita) arriva a Lancia del Sole, capitale di Dorne. Le figlie bastarde di Oberyn, le Serpi delle Sabbie, esigono vendetta e propongono a Doran Martell, il principe di Dorne, diversi piani, tra cui attaccare Città Vecchia e assediare l'Altopiano. Il Principe le fa rinchiudere per prevenire che queste facciano qualcosa di troppo precipitoso, e conferma la sua lealtà verso la capitale. Sua figlia maggiore ed erede (Dorne considera le primogeniture pari, nonostante il sesso), è disgustata dalla debolezza del padre e sospetta che quest'ultimo preferirebbe soppiantarla a suo fratello Quentyn, che scopre essere svanito ad est per affari sconosciuti. La Principessa Myrcella Baratheon, sorella maggiore di Re Tommen, è a Lancia del Sole poichè promessa sposa a Trystane Martell. Arianne sviluppa così un piano per incoronare Myrcella regina dei Sette Regni, secondo la legge dorniana, e riavviare la guerra. Il suo piano va però viene scoperto e va a monte: Ser Arys Oakheart, la cappa bianca sorvegliante di Myrcella viene ucciso in uno scontro nel tentativo di salvaguardare il piano di Arianne, e Myrcella viene ferita. Arianne viene imprigionata per le sue azioni.

Finalmente il Principe Doran permette a sua figlia di fargli visita, e viene a sapere del suo scontento. Le spiega che il suo volere Quentyn come Principe di Dorne è dovuto al fatto che per Arianne ha un ruolo più importante in mente: diventare Regina del Continente Occidentale. Arianne è confusa, ma scopre che Doran aveva in programma di farla sposare con Viserys Targaryen, piano andato a monte dopo che Khal Drogo lo uccide. Ora il piano è cambiato: Quentyn è diretto verso la Baia degli Schiavisti per trovare e vincere ciò che il cuore dei dorniani desiderano:

Fuoco e Sangue
(Doran Martell)


Personaggi

La trama viene raccontata dal punto di vista di 12 personaggi e, come nei precedenti volumi, un prologo dal punto di vista di un personaggio usato unicamente in questa occasione.

▪ Prologo: Pate, novizio dei maestri di Città Vecchia.
▪ Il Profeta, L'Annegato: AeronCapelli Bagnati Greyjoy
▪ Il Capitano delle Guardie: Areo Hotah, Comandante delle Guardie del Principe Doran Martell di Dorne
▪ La Regina Reggente Cersei Lannister
▪ Lady Brienne, la Vergine di Tarth
Samwell Tarly
Arya Stark, chiamata successivamente La Gatta dei Canali
▪ Ser Jaime Lannister, Lord Comandante della Guardia Reale
Sansa Stark, finta figlia naturale di Lord Petyr Baelish di nome Alayne Stone (nome usato per alcuni dei suoi capitoli)
▪ La Figlia della Piovra Asha Greyjoy, figlia di Re Balon
▪ Il Cavaliere Disonorato: Ser Arys Oakheart della Guardia Reale
▪ Il Comandante di Ferro, Il Predone: Victarion Greyjoy, fratello di Re Balon
▪ Il Creatore di Regine, La Principessa nella Torre: Arianne Martell, principessa dorniana

Ritardi nella pubblicazione

Il romanzo viene pubblicato cinque anni e due mesi dopo il precedente volume, A Storm of Swords. Questo ritardo è dovuto ad una serie di problemi presentatisi durante la scrittura dello stesso. L'intenzione originale di George R. R. Martin per il quarto libro era di chiamarlo A Dance with Dragons, dove la storia riprendeva dopo cinque anni dagli eventi di A Storm of Swords (soprattutto per permettere ai personaggi più giovani di crescere). Tuttavia, durante il processo di scrittura Martin scopre che il libro sarebbe stato pieno di flashback per riempire i buchi causati dal salto temporale. Dopo circa dodici mesi di lavoro sul libro, Martin decide di abbandonare la maggior parte di quello che era stato già scritto e iniziare da capo, questa volta riprendendo la storia direttamente dalla fine di A Storm of Swords. Annuncia la decisione, assieme al titolo del nuovo libro A Feast for Crows alla World Science Fiction Convention di Philadelphia il 1 settembre 2001[1]. Annuncia anche che A Dance with Dragons sarebbe diventato il quinto libro.

La ragione dei seguenti ritardi è che il romanzo era diventato troppo lungo, e che la struttura cambiava rispetto al precedente libro, introducendo personaggi narranti con solo uno o due capitoli. Martin aveva anche scritto un prologo di 250 pagine, che poi decide di scartare e di spargere i contenuti per tutto il romanzo. Alla fine, quando il romanzo è quasi finito, gli editori si rendono conto che la lunghezza è molto maggiore rispetto a quella di A Storm of Swords, e chiedono che il libro venga diviso in due per la pubblicazione. Dopo aver brevemente considerato di pubblicarli come 'parte 1' e 'parte 2', Daniel Abraham, amico di Martin e anch'esso scrittore, gli suggerisce di dividere i personaggi narranti secondo la loro posizione geografica, cosa accettata da Martin. Quindi, A Feast for Crows contiene solamente il PdV dei personaggi del Sud dei Sette Regni e delle Isole di Ferro. I personaggi nel Nord, nelle Città Libere e a Meereen (incluso i prediletti dei fan Tyrion Lannister, Jon Snow e Daenerys Targaryen) torneranno nel quinto libro. La divisione dei romanzi comporta anche che alla fine saranno sette libri invece che sei. A Dance with Dragons rimane il titolo per il quinto libro.

Martin pone una nota alla fine del libro, dove spiega le ragioni della divisione e promette che A Dance with Dragons arriverà l'anno dopo con i personaggi mancanti. Tuttavia, in seguito, Martin s'imbarca in un progetto di quattro mesi per un tour degli Stati Uniti, Canada e Europa su richiesta dei suoi editori, che gli impedisce di scrivere il romanzo, il quale era all'inizio previsto nel 2007, ma non pubblicato prima del 2011.

Allusioni ad altre opere

Bakkalon, il Bambino pallido, è uno degli Dei adorato soprattutto dai soldati della Casa del Bianco e del Nero. Questo Dio è già apparso in una delle storie di Martin del 1975 "And Seven Times Never Kill Man" (dove è adorato da una setta religiosa chiamata Steel Angels), così come in altre storie della stessa era.

A Città Vecchia, viene menzionato che l'arcimaestro Rigney crede che la storia sia una ruota. Questo potrebbe alludere possibilmente all'autore Robert Jordan e al suo famoso ciclo La Ruota del Tempo, perchè il suo vero nome è James Rigney. Un altro personaggio, il nobile del suo Lord Trebor Jordayne del Tor, è anche un'allusione a Jordan, poiché Tor Books è l'editore di Jordan più famoso, e il nome Trebor è l'anagramma di Robert.

Nel capitolo "La Gatta dei Canali", viene fatto riferimento ad una storia su "Il Signore della sanzione dolorosa", che si crede sia un riferimento al Don Chisciotte.

Premi e nomination

▪ Premio Hugo - Miglior romanzo (nomination) - (2006)
▪ British Fantasy Award - Miglior romanzo (nomination) - (2006)
▪ Quill Award - Miglior Romanzo (Fantascienza e Fantasy) (nomination) - (2006)

Edizioni

▪ 2006, Il Dominio della Regina, Arnoldo Mondadori Editore, collana Omnibus, traduzione di Sergio Altieri e Michela Benuzzi, ISBN 88-04-52060-4, edizione tascabile
▪ 2007, Il Dominio della Regina, Arnoldo Mondadori Editore, collana Oscar bestsellers, traduzione di Sergio Altieri e Michela Benuzzi, ISBN 88-04-57235-0, edizione tascabile
▪ 2007, L'Ombra della Profezia, Arnoldo Mondadori Editore, collana Omnibus, traduzione di Sergio Altieri e Michela Benuzzi, ISBN 978-88-04-57257-2, edizione tascabile
▪ 2008, L'Ombra della Profezia, Arnoldo Mondadori Editore, collana Oscar bestsellers, traduzione di Sergio Altieri e Michela Benuzzi, ISBN 88-04-58323-1, edizione tascabile

Traduzioni ▪ Francese: Copertina rigida: Pygmalion (2006-...): "Le chaos", "Les sables de Dorne", "Un Festin pour les Corbeaux" ▪ Russo: "Пир стервятников"

Fonti e Note

  1. n
Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti