La danza dei draghi-Capitolo 47

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.


Tyrion X
La danza dei draghi
Copertina12.jpg
PDVTyrion
LuogoBaia degli Schiavisti
Cronologia dei capitoli (Tutti)


Uno Spettro a Grande Inverno (Reek VI)  ← Tyrion  X → Jaime  



Nella Baia degli Schiavisti, Tyrion Lannister viene venduto come schiavo insieme a Penny e Jorah Mormont a un nobile yunkai. Mentre constata di persona la situazione e si convince a fuggire il prima possibile sfruttando le debolezze di un mercenario, Tyrion deve adattarsi alla sua nuova vita da schiavo. Il primo spettacolo con Penny è un tale successo che i due ricevono quello che sembra essere un premio prestigioso.


Indice

Sinossi

Tyrion Lannister e Penny vengono presentati a un'asta di schiavi nella Baia degli Schiavisti, al cospetto di numerosi nobili di Yunkai, i loro schiavi e alcuni mercenari dell'Occidente. Lo schiavista che li ha condotti sul palco li presenta come una coppia di nani che, a cavallo rispettivamente di un maiale e di un cane possono giostrare e intrattenere gli ospiti. I marinai schiavi della Selaesori Qhoran sono già stati venduti, gli ufficiali liberi saranno riscattati dalla Vedova del Lungofiume, mentre i soldati della Mano di Fuoco e gli accoliti saranno riconsegnati a un tempio del Dio Rosso. Tyrion e Penny, invece, non godono di simili certezze. La loro asta è un continuo alternarsi di offerta e controfferta tra un uomo enorme e un'anziana avvizzita. Non appena l'asta sembra rallentare, il venditore fa dare una dimostrazione del loro spettacolo sul palco, poi invita i due compratori a salire e esaminarli da vicino. L'ennesimo commento pungente di Tyrion gli fa guadagnare un'altra frustata, ma dalle panche in fondo uno dei mercenari avanza un'offerta, seguito poco dopo da una ragazza.

Il mercenario non demorde e Tyrion, mentre l'uomo si avvicina, è convinto che egli l'abbia riconosciuto e che vuole riportarlo in Occidente come dono alla regina Cersei. Il viaggio, però, sarebbe decisamente lungo e il Folletto avrebbe tutto il tempo di convincere l'uomo a passare dalla sua parte, come è riuscito a fare in passato con Bronn. Il mercenario si ritira dall'asta all'ennesimo rilancio dell'uomo obeso, ma Tyrion, che non vuole assolutamente diventare proprietà della balena gialla, avanza un'offerta personale, scatenando le risate da parte dei presenti. Il Folletto sostiene di avere molte abilità e che offre per sé stesso tutto l'oro di Castel Granito, ma la sua iniziativa gli fa guadagnare solo l'ennesima frustrata. A quel punto, il banditore annuncia la vendita dei due nani e colpisce di nuovo Tyrion, solo per togliersi lo sfizio.

Tyrion osserva le mura, non molto lontane, di Meereen, dove la schiavitù è ancora bandita. Se solo riuscisse a raggiungere la città, sarebbe di nuovo un uomo libero, ma non ci riuscirà mai con Penny al seguito. La ragazza sostiene che il loro nuovo padrone sarà gentile con loro, dato che li ha pagati caro, ma Tyrion teme che prima o poi il loro spettacolo lo annoierà.

Il sorvegliante del loro nuovo padrone li prende in consegna e annuncia loro che sono ora una proprietà del nobile Yezzan zo Qaggaz, uno dei Saggi Padroni di Yunkai. Lui si occupa di tutti gli schiavi del padrone e, per questo, dice di chiamarlo Balia e comincia a parlare loro di Yezzan, raccomandandosi di obbedire e, soprattutto, di non fuggire. Tyrion, che si presenta come Yollo, vede che, nel frattempo, sul palco dell'asta viene portato Jorah Mormont, con la schiena ricoperta di frustate, il volto tumefatto e un tatuaggio di demone sulla guancia, un trattamento che si è sorbito dopo aver cercato di combattere gli schiavisti saliti a bordo della Sealesori Qhoran. Jorah ne aveva uccisi tre prima di soccombere, per poi essere legato a un remo, quasi picchiato a morte e lasciato senza mangiare. Tyrion nota lo sguardo di Jorah fisso su Meereen: è arrivato così vicino a Daenerys Targaryen solo per scoprire che si è sposata e che, a breve, stipulerà la pace con Yunkai.

I presenti, però, non sembrano interessati ad acquistare quel macilento guerriero e solo un'anziana donna avvizzita avanza un'offerta, più bassa di quella di partenza. Balia spiega che quella donna è Zahrina, nota per comprare guerrieri da usare come carne da macello per i campioni nelle fosse di combattimento e chiede come mai sia così interessato all'uomo, così Tyrion spiega che fa parte del loro spettacolo, l' Orso e la fanciulla bionda. Balia si reca così da Yezzan, che compra anche Jorah. Penny chiede a Tyrion perché ha voluto salvarlo, una domanda che lo stesso Tyrion si pone, ma il Folletto risponde che sarebbe servito a rendere meno noioso lo spettacolo.

Mentre attraversano l'accampamento, Tyrion nota sei possenti catapulte pronte a sfondare le mura malridotte di Meereen, oltre a un'odore distintivo, segno della diffusione della dissenteria emorragica, un altro motivo per cui è meglio fuggire il prima possibile. Sulla via per la tenda di Yezzan, il gruppo vede anche tre schiavi catturati mente fuggivano puniti con dei frombolieri di Tolos e Balia ne approfitta nuovamente per ricordare loro di non cercare la fuga, per nessun motivo, altrimenti sarebbero stati puniti.

In quanto tesori di Yezzan, a Tyrion e Penny viene concesso il privilegio di dormire nel padiglione del padrone. Dopo aver indossato collari con campanelli, che producono un tintinnio continuo, i due vengono presentati agli altri “tesori”, una parata di esseri grotteschi dove l'unico in grado di parlare la loro lingua è Dolcezza, un ermafrodita e preferito del padrone. Dolcezza spiega loro che, dieci anni or sono, Yezzan si è recato a Sothoryos, dove ha contratto una malattia che lo sta facendo andare in decomposizione: fargli dimenticare che sta morendo, anche per breve tempo, garantirà loro numerosi doni.

Quella sera, Balia torna nella tenda per annunciare che Yezzan avrebbe avuto come ospite Yurkhaz zo Yunzak, comandante supremo dell'esercito Yunkai, e che loro avrebbero dovuto esibirsi, per poi servire il vino, al termine del loro spettacolo. Nell'attesa del suo turno, Tyrion osserva gli ospiti presenti: oltre a Yezzan, Yurkhaz e una dozzina di nobili yunkai vi erano inoltre due capitani mercenari, un elegante soldato di Pentos e l'uomo che aveva cercato di comprare Tyrion quella mattina. Il Folletto chiede a Dolcezza chi sia quell'uomo e scopre così che si tratta di Ben Plumm, capitano dei Secondi Figli. Arriva il momento della loro esibizione che si rivela estremamente divertente tanto che Yezzan ride più forte di tutti, mentre gli altri yunkai aspettano la reazione di Yurkhaz. Teminato lo spettacolo, i due nani servono i commensali.

Tyrion viene presto sfidato a cyvasse da un nobile yunkai, avversario che si rivela facile da battere. Subito dopo è Ben Plumm a sfidarlo, chiedendo a Yezzan, in caso di vittoria, di regalargli lo stesso Tyrion, ma il nobile rifiuta, proponendo invece la stessa somma pagata per il nano per la sua vittoria. Durante le partite, Tyrion ha l'opportunità di studiare da vicino Ben, un uomo dall'aspetto affabile, ma tutti quei sorrisi non arrivano mai agli occhi, dove si cela avidità nascosta dietro a un velo di prudenza. Il suo stile di gioco tende a essere flemmatico, giocare per non perdere, ma non basta per affrontare Tyrion che, dopo cinque partite, è ufficialmente il vincitore. Yezzan si è già addormentato, ma al suo risveglio sarebbe comunque stato soddisfatto dei suoi due nuovi acquisti.

Quando Yurkhaz e tutti gli ospiti lasciano la tenda, Balia rientra e dice agli schiavi di mangiare gli avanzi e pulire. Mentre Tyrion è in ginocchio nel tentativo di togliere una macchia di vino, Balia si avvicina e gli riferisce che si è comportato davvero bene con il padrone, intimando a lui e Penny di alzarsi. Dice loro che, per quanto Yezzan non sopporti di privarsi dei suoi tesori, Yurkhaz l'ha convinto che sarebbe un atto di egoismo tenere per sé simili eccellenti esibizioni. Per celebrare la pace con Meereen avranno quindi l'onore di esibirsi nella Fossa di Daznak, al cospetto di decine di migliaia di spettatori, che rideranno del loro spettacolo.


Lista dei personaggi

Apparsi


Menzionati


Luoghi e termini menzionati

Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti