La danza dei draghi-Capitolo 64

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.


La Fanciulla dal Volto Spezzato (Arya II) 
La danza dei draghi
Copertina12.jpg
PDVLa Fanciulla dal Volto Spezzato (Arya II)
LuogoBraavos
Cronologia dei capitoli (Tutti)


Victarion II  ← La Fanciulla dal Volto Spezzato (Arya II)   → Cersei  


L’apprendistato di Arya Stark presso la Casa del Bianco e del Nero di Braavos è giunto ad un punto cruciale. Alla ragazza è affidato il primo importante incarico, che sancirà o meno la sua effettiva appartenenza alla gilda degli Uomini senza Volto. Arya supera la prova dimostrando arguzia e tenacia.


Indice


Sinossi

Nei sotterranei del tempio della Casa del Bianco e del Nero, Arya Stark partecipa ad un’assemblea in cui sono riuniti undici servitori del Dio dai Mille Volti. I seguaci del dio ricevono ciascuno la propria missione: ognuno viene a conoscenza della persona a cui dovrà concedere “il dono” e, quindi, la morte. Al termine della riunione, un uomo con la faccia piagata chiede di poter parlare con Arya. Il confratello rivolge alla ragazza diverse domande, chiedendole chi sia, per quale motivo si trovi lì e se tragga piacere dall’uccidere. Ascoltate le risposte della fanciulla, l’accolito conclude che ella è troppo orgogliosa per servire e che, se vuole ottenere una faccia come dice, deve guadagnarsela pagando un prezzo molto alto: se stessa, con tutto quello che è. Arya dichiara di essere disposta a pagare un simile prezzo per servire il dio e, allora, le viene assegnata la sua prima vittima.

La persona a cui Arya deve portare “il dono” è un uomo che la ragazza non conosce e che, pertanto, ella non può né amare né odiare. Dopo aver riassunto l’identità di Cat, la Gatta dei Canali, Arya lo segue per giorni, scoprendo quali siano le sue abitudini e i luoghi da lui frequentati. L’uomo, un individuo oltre i cinquant’anni, è un assicuratore che contratta con comandanti, armatori e altri mercanti in una taverna nelle vicinanze del Porto Viola. L’assicuratore è sempre accompagnato da due guardie del corpo. Arya medita di sbarazzarsi di almeno una delle due, ma l’uomo gentile la dissuade dall’intento: i servitori del dio non sono soldati-macellai senza scrupoli, concedono la morte soltanto a coloro che sono stati scelti e segnati.

Una volta compreso come agire per portare a termine il suo compito, Arya scende nelle viscere della Casa del Bianco e del Nero insieme all’Orfana e all’uomo gentile. I due la conducono in una stanza piena di maschere di pelle umana. Qui, l’orfana aiuta Arya ad indossare una nuova faccia, poiché sono in molti a conoscere il volto di Cat. La nuova faccia di Arya è il viso tumefatto appartenuto a una ragazza che veniva picchiata a sangue dal padre. L’uomo gentile spiega ad Arya che la ragazza ha chiesto “il dono” per sé e che, fino alla fine, non è mai stata veramente libera dal dolore e dalla paura. Per questo motivo, Arya potrebbe avere degli incubi, cosa che effettivamente accade.

Il giorno dopo, Arya, irriconoscibile, si dirige verso la taverna in cui la sua vittima è solita contrattare. Incontrato uno degli uomini che fanno affari con l’assicuratore, apre la sua borsa con una piccola lama e vi fa scivolare una moneta. Quando l’uomo se ne accorge, la ragazzina si è già dileguata. Arya ha scambiato una delle monete nella sacca con una moneta sulla quale ha precedentemente cosparso del veleno. L’assicuratore, che morde sempre il conio per accertarsi che non sia falso, muore proprio addentando quella moneta. Arya ritorna nella Casa del Bianco e del Nero, dove dice all’uomo gentile come ha completato la sua missione. L’uomo gentile si dimostra soddisfatto e le annuncia che proseguirà il suo apprendistato sotto la supervisione di un certo Izembaro.


Lista dei personaggi

Apparsi


Menzionati


Luoghi e termini menzionati

Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti