La danza dei draghi-Capitolo 68

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.


Il Domatore di Draghi (Quentyn IV) 
La danza dei draghi
Copertina12.jpg
PDVIl Domatore di Draghi (Quentyn IV)
LuogoMeereen
Cronologia dei capitoli (Tutti)


Il Distruttore di Re (Barristan III)  ← Il Domatore di Draghi (Quentyn IV)   → Jon  XIII


A Meereen, con l’aiuto dei suoi due amici dorniani e della Compagnia del Vento, Quentyn Martell attua il suo piano per domare e cavalcare i draghi di Daenerys rinchiusi nella Grande Piramide. L’impresa finisce in tragedia.


Indice


Sinossi

È notte. Nella sua stanza all’interno della Grande Piramide, il principe Quentyn Martell non riesce a prendere sonno. Alzatosi, si reca nel suo solarium e si versa due coppe di vino, sperando che questo lo calmi e lo aiuti a dormire. Il giovane è raggiunto dall’amico Gerris, che ha udito i suoi passi. La breve conversazione che segue non porta alcun conforto a Quentyn, il quale è diviso fra i desideri del suo cuore e i suoi doveri in quanto figlio del principe di Dorne.

Il giovane vorrebbe tanto tornare in Occidente, sposarsi, avere una famiglia, andare a trovare sua madre a Norvos e misurarsi con altri cavalieri nei tornei, ma sa bene che questo non è possibile, perlomeno non ora. Prima, deve compiere la missione affidatagli dal padre. Daenerys Targaryen ha sposato un altro, è vero, ma lui può ancora dimostrare il suo valore e il suo coraggio alla giovane regina: domerà Viserion e Rhaegal, li libererà e li cavalcherà. Nella Fossa di Daznak, Daenerys ha domato Drogon vestita di sete leggere e armata solamente di una frusta; se ce l’ha fatta lei, ce la farà anche lui. D’altronde, il principe non ha scelta, o riesce nel suo intento o rientra a Dorne rendendo vano il suo viaggio e provocando la delusione della sua famiglia.

Poco prima dell’alba, Quentyn fa colazione sul terrazzo della Grande Piramide insieme a Gerris e ad Arch, dopodiché i tre dorniani si travestono da membri delle Belve d’Ottone. Il gruppo lascia dunque le sue stanze passando per passaggi utilizzati dai servi e dagli schiavi, fino alla porta oltre la quale si scende nei sotterranei dell’edificio. Dopo che Quentyn ha pronunciato la parola d’ordine, “cane”, le due Belve d’Ottone di fronte all’ingresso se ne vanno credendo che i tre siano giunti per dar loro il cambio. Da un vicolo attiguo viene condotto un carro con le carcasse di un bue e di due pecore. Il piano prevede che i draghi vengano ammansiti e distratti con il cibo e, a tal punto, incatenati e trasportati fuori con il mezzo. Come secondo gli accordi, Meris la Bella, Caggo e diversi altri membri della Compagnia del Vento si uniscono ai dorniani. Percorrendo cunicoli bui e tortuosi, il gruppo scende nelle viscere della Grande Piramide.

Le grandi porte di bronzo che chiudono la fossa dei draghi, parzialmente fuse e crepate, sono difese da altre due Belve d’Ottone. Con loro, la parola d’ordine non funziona e le guardie vengono pertanto trucidate dai mercenari e dai compagni di Quentyn. Poi, Archibald apre le porte con un colpo della sua mazza da guerra e i dorniani e i mercenari entrano nella fossa. Quentyn sente che tutta la forza che ha cercato di racimolare lo sta abbandonando. La paura comincia a montare dentro di lui, ma è troppo tardi per tirarsi indietro. Il principe scorge Rhaegal nell’oscurità e ordina che gli venga dato del cibo. Prima che possa fare qualsiasi cosa per domarlo, Viserion, libero delle catene, plana improvvisamente fra lui e i suoi compagni. Quentyn lo chiama per nome e il drago si volta a guardarlo, ma solo per un attimo.

Attirato dall’odore del sangue o dalla vista della porta aperta verso la libertà, Viserion si avvicina al carro con il cibo. Uno dei mercenari scocca un dardo di balestra riuscendo appena a scalfire la bestia. Il drago investe l’uomo con il suo fuoco e lo divora. Gli altri mercenari battono in ritirata. Quentyn chiama Viserion per due volte e, dopo che il drago si è voltato nella sua direzione, gli assesta una frustata sul muso. Viserion emette un sibilo. Improvvisamente, Quentyn si sente investito da un vento torrido. Sente Gerris e Arch urlare. Sembrano impazziti. “Dietro di te!”, grida Arch. Quentyn si volta, ritrovandosi faccia a faccia con Rhaegal. La frusta e tutto il suo copro sono avvolti dal fuoco. Il giovane principe lancia un urlo.


Lista dei personaggi

Apparsi


Menzionati


Luoghi e termini menzionati

Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti