La danza dei draghi-Capitolo 70

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.


Il Primo Cavaliere della Regina (Barristan IV) 
La danza dei draghi
Copertina12.jpg
PDVIl Primo Cavaliere della Regina (Barristan IV)
LuogoMeereen
Cronologia dei capitoli (Tutti)


Jon XIII ← Il Primo Cavaliere della Regina (Barristan IV)   → Daenerys  X


A Meereen, viene convocato un concilio che regni in vece della Regina dei Draghi, ancora dispersa nel Mare Dothraki. Gli yunkai rifiutano l’offerta di pace di Ser Barristan Selmy e dichiarano guerra. L’anziano cavaliere, pronto a difendere i “figli” di Daenerys, risponde con il fuoco e con il sangue.


Indice


Sinossi

Dopo tre giorni di agonia, il principe Quentyn Martell, ustionato a morte dal fuoco di Rhaegal[1], spira negli appartamenti reali della Grande Piramide di Meereen. Rhaegal e Viserion, i draghi che Quentyn e i suoi compagni hanno liberato dalla fossa[1], hanno seminato il caos nella Città Gialla e si sono impossessati di due piramidi, che sono diventate la loro tana. Fortunatamente, la pioggia ha spento gli incendi. Ser Barristan Selmy continua a sperare nel ritorno di Daenerys: la fanciulla Targaryen ha domato e cavalcato il drago nero, non può essere morta. Skahaz il Testarasata fa il suo ingresso annunciando che il concilio è riunito e che i suoi membri non attendono che l’arrivo del “Primo Cavaliere”. I Figli dell’Arpia sono tornati ad uccidere, mietendo ventinove vittime. I nobili meereenesi, avvolti nei loro tokar, protestano per le vie della città e chiedono un risarcimento per le piramidi incendiate dai draghi.

Il concilio si ritrova nella sala del trono. Seduti ad una tavola rotonda, Ser Barristan, i comandanti degli uomini fedeli a Daenerys e alcuni gladiatori delle fosse da combattimento discutono da pari a pari. La riunione si protrae per tutta la mattinata. Selmy ha inviato Galazza Galare, la Grazia Verde, nell’accampamento Yunkai. La donna cercherà di negoziare la liberazione degli ostaggi, Daario, Eroe e Jhogo. È stata Missandei a suggerire questa mossa: l’offerta di denaro farà sicuramente gola ai mercenari assoldati dagli schiavisti. C’è tuttavia la possibilità che gli yunkai rifiutino le loro condizioni infrangendo la pace della regina e, pertanto, si deve essere pronti a rispondere con le armi. Barristan ha preparato una mappa dettagliata che mostra la dislocazione dei loro nemici, la disposizione dei loro uomini e delle loro catapulte. Il cavaliere e gli altri membri del concilio si confrontano, dunque, per ideare una strategia d’attacco e per organizzare le difese della città in caso d’assedio.

Al termine dell’assemblea, Ser Barristan scende nelle segrete della Grande Piramide per comunicare a Gerris Drinkwater e ad Archibald Yronwood la morte del principe Quentyn. Quel che i tre dorniani hanno fatto equivale senza dubbio ad alto tradimento. Non solo hanno cercato di rubare due draghi della regina ma, per raggiungere il loro scopo, hanno ucciso quattro Belve d’Ottone[1], uomini leali a Daenerys. Archibald confessa al cavaliere di aver assassinato uno di quegli uomini, ma dice che gli altri sono stati trucidati dai mercenari della Compagnia del Vento. Come Selmy immaginava, il Principe Straccione ha chiesto un prezzo molto alto in cambio del suo aiuto nella folla impresa: la città libera di Pentos.[2] Ser Barristan affida ai due dorniani una missione: devono recarsi nell’accampamento yunkai insieme ai mercenari della Compagnia del Vento, che verranno presto rilasciati, per portare un messaggio al Principe Straccione. Se i loro ostaggi verranno liberati, il cavaliere darà al capitano mercenario quel che chiede. Gerris si mostra alquanto riluttante, ma Archibald accetta prontamente per entrambi. Una volta portato a termine l’incarico, Selmy procurerà ai dorniani una nave con il quale essi potranno far ritorno a Dorne, portando con sé le spoglie di Quentyn.

Di nuovo negli appartamenti della regina, Barristan riceve Galazza Galare. Gli yunkai hanno declinato la sua offerta: non c’è somma di denaro che possa ricomprare la libertà degli uomini di Daenerys, soltanto il sangue dei draghi può farlo. Gli yunkai esigono che le bestie siano abbattute. L’unico modo per evitare una carneficina, dice la Grazia Verde, è rimettere Hizdahr sul trono di Meereen. Questo, ribadisce però Ser Barristan, può farlo soltanto Daenerys. Skahaz fa irruzione nella stanza, riferendo che il nemico ha azionato le sue sei catapulte, caricate con cadaveri anziché con pietre. Il Secondo Assedio di Meereen ha inizio.


Lista dei personaggi

Apparsi


Menzionati


Luoghi e termini menzionati


Note

  1. 1,0 1,1 1,2 Vedi il capitolo 68.
  2. Vedi il capitolo 60.
Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti