Leone

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.

Il leone del Continente Occidentale è in tutto simile al leone del nostro pianeta. Una sottospecie immaginaria presente nella saga è il hrakkar, un grande leone bianco proveniente dal Mare Dothraki del Continente Orientale.

Il leone ricorre negli stemmi delle case Grandison, Jast, Lannister, Osgrey, Parren e Reyne. L'emblema della Casa Manning mostra un leone marino.[1]


Indice


Storia

Si racconta che, nella guerra contro i Primi Uomini, i Danzatori degli Alberi dei Figli della Foresta abbiano ricorso all'aiuto dei leoni insieme a quello di altre bestie selvatiche.[2]

I leoni popolano le alture occidentali del Continente Occidentale. Nell'antichità, le belve facevano la propria tana tra le pareti rocciose di Castel Granito[3] ed alcune di loro erano proprietà dei re della Roccia. Secondo fonti semiufficiali, certi leoni di re Loreon I Lannister sono riusciti ad uscire dalle gabbie ed hanno ucciso tre figli del sovrano. Si vocifera che la tragedia sia parte della maledizione di Morgon Banefort.[4]

Leoni allo stato brado sono avvistati durante il regno di Lord Tytos Lannister. Il primo cavaliere della Casa Clegane salva Tytos dall'attacco di una leonessa, perdendo una gamba e tre dei suoi cani nell'impresa.[5] Cersei Lannister ricorda i leoni tenuti in gabbia nei sotterranei di Castel Granito al tempo della sua infanzia. Gli animali erano parte dell'eredità del nonno Tytos.[6]


Eventi recenti

Il Trono di Spade

Il Principe di Pentos si vanta dei leoni presenti nella sua magione. Non è chiaro se si tratti di esemplari dell'occidente o di hrakkar.[7]


La danza dei draghi

Nella Caverna del Corvo con Tre Occhi, Foglia racconta a Bran Stark che gli imponenti leoni delle Terre dell'Ovest sono stati sterminati.[8] A detta di fonti semiufficiali, qualche esemplare sopravvive negli angoli più remoti della regione, ma anche questi sono stati, per la maggior parte, cacciati dagli uomini.[3]

Cersei Lannister si ricorda di quando, da bambina, ha coraggiosamente introdotto una mano fra le sbarre di una gabbia ospitante un leone selvaggio di Castel Granito e di come il suo gemello Jaime gliel'abbia subito allontanata.[6]


Fonti e note


Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti