Locuste avvelenate

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.
A detta delle grazie azzurre, Belwas il Forte è sopravvissuto al veleno contenuto nelle locuste solo grazie alla sua forza fisica e alla sua immensa statura. - by Sir-Heartsalot ©

Le locuste avvelenate rappresentano un tentato assassinio ai danni di Daenerys Targaryen.


Indice


Il tentato avvelenamento

Nel giorno della riapertura delle fosse da combattimento a Meereen, la regina Daenerys e il marito Hizdahr zo Loraq siedono nei posti d'onore della Fossa di Daznak. Per allietare i coniugi reali, nel palco ci sono caraffe di vino ghiacciato e acqua addolcita, fichi, datteri, meloni, melagrane, noci pecan, peperoncini e, infine, una ciotola colma di locuste al miele.[1]

Appena entrato nel palco, Belwas nota le locuste e le divora a manciate. Re Hizdahr incita allora la moglie a prenderne a sua volta:


Sono molto saporite. Assaggiale, amore mio. Vengono infarinate nelle spezie prima di essere messe sotto miele, così sono al tempo stesso dolci e piccanti.[1]


La risposta di Dany equivale a un rifiuto:


Il che spiega come mai Belwas stia sudando così. Penso che mi accontenterò di fichi e datteri.[1]


Mentre hanno luogo i combattimenti, Belwas svuota l'intera ciotola, rutta e beve un'abbondante sorsata di vino. Dopo che un cinghiale ha ucciso Barsena la Mora, Belwas lamenta di avere mal di stomaco. Poco più tardi, il suo viso assume una strana espressione e l'eunuco attribuisce il malessere alla scorpacciata di locuste. Quando Drogon, il drago nero di Dany, plana improvvisamente sull'arena banchettando con i cadaveri di Barsena e del cinghiale, Belwas emette un gemito, cade in ginocchio e vomita rumorosamente, segno che il veleno sta avendo effetto.[1]

Dopo che Daenerys è scomparsa cavalcando Drogon, Belwas è portato al Tempio delle Grazie perché sia curato dalle grazie azzurre.[2] Grazie alla sua enorme statura e forza fisica, riesce a salvarsi.


Il pasticciere

Mentre Daenerys è ancora dispersa, Skahaz mo Kandaq riferisce a Ser Barristan Selmy di aver trovato l'avvelenatore: il pasticciere di Hizdahr. Ma il pasticciere è semplicemente una pedina; i Figli dell'Arpia hanno rapito sua figlia promettendo di ridargliela incolume una volta morta la regina. Belwas e Drogon hanno salvato Daenerys, ma nessuno ha salvato la bambina, che è stata uccisa e riportata dal padre squartata in nove pezzi, uno per ogni anno di vita.[2]

Il Testarasata crede che il mandante sia lo stesso Hizdahr. Ser Barristan si ricorda, allora, di quando il re continuava ad incoraggiare Dany ad assaggiare le locuste. L'anziano cavaliere decide d'interrogare personalmente il pasticciere e si chiede se le locuste non fossero destinate ad Hizdahr anziché a Daenerys, visto che la morte del re avrebbe significato la fine della pace con Yunkai, una pace fragile e che ha deluso molti.[2]

Più tardi, mentre vaga nel Mare Dothraki, Daenerys ripensa a quanto accaduto nella Fossa di Daznak e comprende che le locuste al miele che Belwas si è mangiato erano avvelenate.[3]


Possibili avvelenatori


Citazioni

Dov'è il fegato con le cipolle? Belwas il Forte non è più forte come prima, deve mangiare, diventare di nuovo grosso. (Le locuste al miele) hanno fatto ammalare Belwas il Forte. Qualcuno deve morire.
Belwas il Forte



Fonti e note

  1. 1,0 1,1 1,2 1,3 La danza dei draghi, Capitolo 52, Daenerys.
  2. 2,0 2,1 2,2 La danza dei draghi, Capitolo 55, La Guardia della Regina (Barristan I).
  3. La danza dei draghi, Capitolo 71, Daenerys.
Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti