Maekar I Targaryen

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.
561px-House Targaryen crest.PNG
Maekar I Targaryen
425px-Maekar crest.png
Maekar.jpg
Maekar I – by Amok©

Regno

221 CA - 233 CA

Nome completo

Maekar Targaryen, primo del suo nome

Alias

L’Incudine

Altri titoli

Principe di Sala dell’Estate
Re degli Andali, dei Rhoynar e dei Primi Uomini
Lord dei Sette Regni
Protettore del Reame

Data e luogo di nascita

Tra il 174 CA e il 178 CA [1] , Approdo del Re

Data e luogo di morte

233 CA, Starpike

Casa reale

Casa Targaryen

Predecessore

Aerys I Targaryen

Eredi

Daeron Targaryen
Aerion Targaryen
Aegon V Targaryen (scelto dal Gran Concilio del 233)

Successore

Aegon V Targaryen

Regina consorte

Dyanna Dayne

Discendenza

Daeron Targaryen
Aerion Targaryen
Aemon Targaryen
Aegon V Targaryen
Rhae Targaryen
Daella Targaryen

Padre

Daeron II Targaryen

Madre

Mariah Martell

Libri

Il cavaliere errante – Compare
La spada giurata – Menzionato
Il cavaliere misterioso – Menzionato
Il mondo del ghiaccio e del fuoco – Menzionato
Il Trono di Spade – Menzionato

Maekar Targaryen - by Amok, Roaring Studios©

Maekar I è il quattordicesimo Targaryen a sedere sul Trono di Spade e a regnare sui Sette Regni.[2] È il quartogenito di Daeron II Targaryen e il principe di Sala dell'Estate. Grande guerriero e comandante, prende parte a due delle ribellioni dei Blackfyre. Viene incoronato nel 221 CA, dopo una serie di morti improvvise all’interno della famiglia reale.


Indice


Aspetto

Maekar è muscoloso, massiccio e imponente. Ha occhi violetti, capelli lisci d’un biondo chiarissimo, quasi bianco, e una barba oro-argento squadrata. La sifilide gli ha lasciato cicatrici sulle guance.[3]

A detta di fonti semiufficiali, Maekar indossa una corona d’oro e ferro nero con punte acuminate. Ha anche uno stemma personale, in cui il drago tricefalo dei Targaryen si ripete per quattro volte.[4]


Vita

Giovinezza

Maekar è figlio di re Daeron II Targaryen e della regina Mariah Martell. In quanto quartogenito, non è erede in linea diretta. Si sposa molto giovane con Lady Dyanna Dayne, dalla quale ha quattro figli maschi e due figlie femmine. Vive con la famiglia a Sala dell'Estate, il palazzo dei Targaryen situato nelle Terre Basse dorniane.


Prima Ribellione dei Blackfyre

Durante la Prima Ribellione dei Blackfyre, Maekar è uno dei comandanti dell’armata Targaryen. È proprio lo scudo umano formato da lui e dai suoi uomini ad arginare il folle attacco di Acreacciaio nella Battaglia di Campo dell'Erba Rossa. Lo scontro è vinto quando suo fratello Baelor Lancia Spezzata sferra un attacco alla retroguardia nemica. Più tardi, l’esito della battaglia ispira la ballata intitolata "Il martello e l'incudine", nella quale il martello rappresenta Baelor, mentre l’incudine Maekar.[5]

Tuttavia, Maekar non si sente apprezzato come dovrebbe. La vittoria è perlopiù attribuita a suo fratello, mentre a lui si riconosce soltanto d’aver saputo sfruttare a proprio vantaggio gli errori di Daemon Blackfyre. Ferito nell’orgoglio, Maekar deve sopportare di vivere all’ombra del fratello anche in molte altre occasioni. Di lui, Raymun Fossoway dice:


Povero Maekar… Il quarto figlio del re… Senza il valore del principe Baelor, l’intelligenza del principe Aerys, la mitezza del principe Rhaegel. E adesso deve anche vedere i suoi figli oscurati da quelli del fratello.[3]



Torneo di Ashford

Nell’anno 209 CA, ad Ashford si tiene un torneo. Maekar vi presenzia perché i suoi figli Daeron ed Aerion sono tra i giostranti. Aegon, il suo quartogenito, dovrebbe fare da scudiero al fratello Daeron, ma quest’ultimo si ubriaca in una locanda ed egli, assunta l’identità di Egg, si unisce a Duncan l’Alto, un cavaliere errante la cui umiltà l’ha conquistato. Daeron, in stato confusionale in seguito alla sbornia, non è più in grado di gareggiare e il presuntuoso Aerion si disonora uccidendo il cavallo di uno sfidante. Il torneo è dunque un vero disastro per Maekar e i suoi figli. Infine, quando Dunk aggredisce Aerion prendendo le difese di un’innocente burattinaia dorniana e suo figlio chiede un Giudizio dei Sette, a Maekar non resta che assecondare il desiderio di vendetta di quest’ultimo e prestare ascolto anche a Daeron, il quale accusa il cavaliere errante d’avergli sottratto Aegon.[3]

Nel corso del Giudizio dei Sette, Maekar si trova a duellare con il fratello Baelor, uno dei campioni di Dunk, e gli inferisce un letale colpo di mazza al capo. Baelor sopravvie al torneo, ma muore poco più tardi, dopo essersi levato l’elmo. Maekar teme che l’incidente gli procurerà il marchio del fratricida. Si narra che il senso di colpa perseguiti Maekar per il resto dei suoi giorni e che egli non manchi mai di ricordare l’anniversario della morte del fratello.[5] Per quanto riguarda le questioni in sospeso con i propri figli, il principe di Sala dell'Estate costringe Aerion a recarsi in esilio nelle Città Libere e offre a Dunk un posto nella sua guardia personale, perché possa essere un modello per Aegon. Il cavaliere errante, però, rifiuta. Allora, Maekar permette al figlio Aegon di accompagnare Dunk nelle sue avventure in veste di scudiero.[3]


Anni a seguire

La Grande Epidemia di Primavera si porta via re Daeron II e i figli di Baelor Lancia Spezzata.[6] Aerys I Targaryen, fratello di Maekar, ascende al trono e nomina Primo Cavaliere il loro zio bastardo Brynden Rivers, detto Corvo di Sangue. Maekar, che sognava tale carica per sé e che non può soffrire Lord Brynden, lascia la corte, ritirandosi nella sua residenza a Sala dell'Estate.

Maekar combatte nella Terza Ribellione dei Blackfyre, riaffermando il suo valore come comandante. Suo figlio Aerion e lo zio Corvo di Sangue premono perchè Aegor Rivers, detto Acreacciaio, sia giustiiziato, ma re Aerys I decide di graziarlo inviandolo ai Guardiani della Notte. La nave che dovrebbe condurre il prigioniero al Forte Orientale è però intercettata dai lealisti Blackfyre e questi si rifugia un’altra volta in esilio al di là del Mare Stretto. Non si è a conoscenza dell’opinione di Maekar riguardo al tradimento di Acreacciaio.


Regno

Maekar ascende al Trono di Spade alla morte del fratello Aerys, in quanto sia il terzogenito di Daeron II, Rhaegel, che l’erede di quest’ultimo Aelor, sono deceduti anni prima. Il desiderio del re di rompere con il passato è tanto forte che egli si fa subito forgiare una nuova corona, più battagliera delle precedenti e più simile a quella di Aegon il Conquistatore, andata perduta a Dorne con la morte del Giovane Drago.

Maekar regna per sette anni caratterizzati da una lunga, calda estate e c’è chi crede che la cosiddetta Grande Estate sia finalmente arrivata. Essa si conclude seguita da un fugace autunno e, poi, da un lungo e rigido inverno.[7] Il regno di Maekar, compreso fra due ribellioni dei Blackfyre, è ricordato come un periodo relativamente pacifico nella storia dei Sette Regni.[8]

Maekar cade in battaglia nel 233 CA, combattendo nella Ribellione di Lord Peake, ucciso da una roccia scagliata dalle mura di Starpike. Dato che il suo terzogenito Aemon ha prestato giuramento come maestro, gli succede il suo quartogenito, Aegon V Targaryen.[8]


Citazioni di Maekar I

Non sono venuto qui per discutere con un cavaliere errante.[3]
Il principe Maekar ad Ashford, rivolto al fratello Baelor in merito a Dunk



Citazioni su Maekar I

Il principe Maekar Targaryen era un uomo duro, fiero, sprezzante.[9]
Dai pensieri di Dunk


E mio padre... non aveva mai pensato che il trono passasse a lui e invece accadde. Diceva sempre che era la punizione per il colpo (di mazza) con cui aveva ucciso suo fratello. Prego che nella morte abbia trovato quella pace che non trovò mai in vita. [10]
Maestro Aemon rivolto a Samwell Tarly



Famiglia

 
 
 
 
 
 
 
 
Daeron II
 
Mariah
Martell
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Baelor
 
Jena
Dondarrion
 
Aerys I
 
Aelinor
Penrose
 
Rhaegel
 
Alys
Arryn
 
Maekar I
 
Dyanna
Dayne
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Valarr
 
Kiera di
Tyrosh
 
Matarys
 
Aelora
 
Aelor
 
Daenora
 
Aerion
 
Daeron
 
Kiera di
Tyrosh
 
Aemon
 
Aegon V
 
Rhae
 
Daella
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Figlio
 
Figlio
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Maegor
 
 
 
 
 
Vaella
 
 
 
 
 
 
 
Casa Targaryen
 
Discendenti
sconosciuti
 
Discendenti
sconosciuti
 
 



Fonti e note


Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti