Ombra della Sera

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.
Pyat Pree e un calice di Ombra della Sera (by FFG)

LOmbra della Sera è un vino denso e blu tipicamente consumato dagli stregoni di Qarth. Si ottiene da foglie blu inchiostro che crescono sugli alberi dalla corteccia nera intorno alla Casa degli Eterni.[1]


Indice

Descrizione

L'Ombra della Sera, se versato, appare viscoso e denso come miele. All'inizio ha un sapore per nulla appetibile, tanto da venire paragonato all'inchiostro, alla carne guasta o alla carne marcia ma[1][2], dopo aver deglutito, sa di tutto ciò che il consumatore ha assaggiato in vita e anche di più.[1]

Viene consumato in grandi quantità dagli stregoni di Qarth, le cui labbra sono diventate blu proprio per il continuo consumo di questa bevanda.[3][4] Gli Eterni ne hanno bevuto così tanto che tutto il loro corpo è diventato blu.[1]


Eventi recenti

Lo scontro dei re

Xaro Xhoan Daxos dice a Daenerys Targaryen che gli stregoni bevono l'Ombra della Sera fino a quando le loro labbra non diventano blu.[3] Pyat Pree fa bere a Daenerys una coppa di Ombra della Sera, prima di farla entrare nella Casa degli Eterni.[1]


Il banchetto dei corvi

Euron Greyjoy offre al fratello Victarion un bicchiere di Ombra della Sera e sostiene di essere entrato in possesso di un barile di quella sostanza da una galea proveniente da Qarth, da lui stesso catturata, su cui viaggiavano degli stregoni. Victarion ne beve un sorso, ma lo sputa immediatamente, credendo che il fratello stia tentando di avvelenarlo con del vino marcio.[2]


Consumatori di Ombra della Sera


Citazioni

Questo calice servirà soltanto ad aprire le tue orecchie e a dissolvere la cortina davanti ai tuoi occhi, in modo che tu possa udire e vedere le verità che ti saranno offerte.
Pyat Pree[1]


Il primo sorso fu atroce. Ombra della sera sapeva d'inchiostro e di carne avariata. Eppure, man mano che la bevanda scendeva dentro di lei, parve acquistare una vita segreta. Daenerys sentì viticci invisibili dilatarsi nel suo petto, simili a tentacoli di fuoco intorno al cuore. E ora sulla sua lingua c'era il gusto del miele, dell'anice, della panna. Le par-ve il latte della madre e il seme di Drogo. Le sembrò carne succulenta e sangue caldo e oro fuso. Era tutti i sapori che Daenerys aveva conosciuto. E al tempo stesso non era nessuno di essi... e poi, il calice fu vuoto.
Pensieri di Daenerys Targaryen[1]


Il comandante prese la coppa che Euron non gli aveva offerto, annusò il contenuto con sospetto. Visto da vicino, sembrava più blu che nero. Era denso, oleoso e odorava di carne putrida.
Pensieri di Victarion Greyjoy[2]



Fonti e note

Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti