Parco degli Dèi

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.
Parco degli Dèi - by Kim Pope

Il Parco degli Dèi è, generalmente, una ristretta area boschiva ospitata tra le mura di alcuni castelli dei Sette Regni e adibita a luogo di culto di coloro che, adottate le tradizioni dei Primi Uomini, pregano gli Antichi Dèi. I seguaci del Culto dei Sette Dèi vi si recano semplicemente in cerca di pace e solitudine.[1]


Indice


Storia

Cat incontra Ned nel Parco degli Dèi di Grande Inverno - by Thomas Denmark © Fantasy Flight Games

Una volta abbracciata quella che viene tuttora indicata come Antica Via, i Primi Uomini creano i Parchi degli Dèi, boschetti che crescono fra le mura dei castelli. Nei villaggi, viene piantato un solo albero-diga, chiamato "Albero del Cuore", con un volto intagliato nella corteccia per favorire l’adorazione degli Dèi. Nel Nord, si trova un albero del genere in ogni singolo castello, mentre a sud dell’Incollatura simili arbusti sono stati quasi tutti bruciati o abbattuti.[1] Tuttavia, un numero significativo di alberi-diga continua ad esistere sull’Isola dei Volti e diversi castelli del Sud ne hanno ancora nel proprio Parco degli Dèi.[2]


Ubicazione

Castel Granito

La fortezza di Castel Granito, nelle Terre dell'Ovest, dispone del cosiddetto Giardino di Pietra, nel quale s’innalza un albero-diga dal fusto ritorto.[3][4]


Darry

In prossimità dell’inverno, il Parco degli Dèi di Darry, nelle Terre dei Fiumi, ha nudi alberi i cui rami neri si allungano verso il cielo.[5]


Nido dell’Aquila

Il castello di Nido dell'Aquila, nella Valle di Arryn, ospita un Parco degli Dèi, sprovvisto però del caratteristico Albero del Cuore. [6] Si tratta, in realtà, piuttosto di un giardino, in quanto il terreno fine e pietroso risulta inadatto alla crescita di un albero-diga. Al centro, c’è una statua di donna piangente.[7]


Harrenhal

Il Parco degli Dèi di Harrenhal, nelle Terre dei Fiumi, si estende per venti acri.[8] Oltre ad un Albero del Cuore dall’inquietante volto intagliato, ospita pini e alberi-sentinella. Di notte, è visitato da pipistrelli in caccia.[9]


Alto Giardino

Sebbene faccia costruire ad Alto Giardino il primo tempio dedicato ai Sette Dèi, Garth IX Gardener, re dell’Altopiano, continua a pregare nel Parco degli Dèi.[10] Il boschetto lussureggiante contiene tre alberi-diga che, a quanto di dice, sarebbero stati piantati da Garth Manoverde.[11]


Raventree Hall

Il Parco degli Dèi di Raventree Hall, nelle Terre dei Fiumi, ospita alberi che si dicono vecchi quanto le torri del castello. Si caratterizza per la presenza di un colossale Albero del Cuore, visibile a leghe di distanza e ormai seccato. Da migliaia di anni, centinaia di corvi passano le notti appollaiati suoi rami dell’imponente arbusto. Il Parco degli Dèi di Raventree ospita inoltre la statua di Melissa Blackwood.[3]


La Fortezza Rossa

Sansa nel Parco degli Dèi della Fortezza Rossa - by Josu Hernaiz©

Il Parco degli Dèi della Fortezza Rossa, il castello di Approdo del Re, domina il fiume delle Rapide Nere. Ospita olmi, ontani e pioppi neri. L’Albero del Cuore, a differenza di quelli presenti nel Nord, non è un albero-diga, ma una quercia ricoperta da viticci d’un rampicante che produce bacche scure. Nei pressi della quercia, cresce il Respiro di Drago, un fiore di colore rosso cupo.[12]


Delta delle Acque

Il Parco degli Dèi di Delta delle Acque, nelle Terre dei Fiumi, è un giardino pieno d’aria e di luce che ospita numerosi uccelli e diverse specie floreali. Vi crescono menta, alte sequoie e olmi secolari che si specchiano nelle acque della Forca Rossa.[1] L’Albero del Cuore è un albero-diga dal triste volto intagliato.[13]


Capo Tempesta

Il Parco degli Dèi di Capo Tempesta, nelle Terre della Tempesta, ospita in origine un Albero del Cuore dal solenne volto intagliato. L’arbusto è arso per ordine di Stannis Baratheon, in offerta al Signore della Luce.[14]


Porto Bianco

La città di Porto Bianco nel Nord possiede un Parco degli Dèi, ospitato tra le mura della Tana del Lupo. Il luogo è un minaccioso intrico di rami, pietra e radici.[15] La flora consiste in querce, alberi e betulle. L’Albero del Cuore, un albero-diga di proporzioni gigantesche, ha un iroso volto intagliato e radici che fanno breccia nei muri e nelle finestre.[16]


I Sussurri

Le rovine dei Sussurri, nelle Terre della Corona, sono costellate da una schiera di pini-soldato, in mezzo ai quali spicca uno snello albero-diga.[17]


Grande Inverno

Bran Stark e Estate nel Parco degli Dèi di Grande Inverno - Artista sconosciuto ©

Il Parco degli Dèi di Grande Inverno, nel Nord, è un ombroso luogo primordiale con tre acri di foresta rimasta vergine per diecimila anni. Vi crescono alberi-sentinella, pini-soldato, querce, alberi del legno, frassini e biancospino.[1][18] Al centro dell’area, si trova un piccolo, gelido stagno oscuro sovrastato da un secolare Albero del Cuore. L’albero-diga ha corteccia bianca come ossa e foglie d’un rosso scuro, simili a mani insanguinate. Nel tronco è intagliato un lungo viso malinconico, i cui occhi, profonde cavità rosseggianti, piangono linfa asciutta. Il suolo è ricoperto di humus vecchio di migliaia d’anni.[1] Nel punto del bosco su cui si affacciano le stanze per gli ospiti, vi sono tre piccoli stagni alimentati da una sorgente termale sotterranea.[19]


Citazioni

C'era sempre qualcosa di selvaggio in ogni parco degli dei; perfino in questo, situato nel cuore del castello nel cuore della città, era come sei gli dèi stessero osservando con i loro mille occhi invisibili.[20]
Sansa Stark



Cè della forza nel legno che vive. Una forza possente come quella del fuoco.[21]
Jojen Reed



Fonti e note

Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti