Piazza della Pescheria (Volantis)

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.

La Piazza della Pescheria è una piazza di Volantis dove i mercanti di pesce vendono le loro merci.


Indice

Struttura

La piazza è un intrico di carretti, palanchini e pedoni e al centro si trova la statua decapitata di un triarca del passato. La Casa del Mercante si trova su un lato della piazza.

I mercanti di pesce offrono le loro merci. Ci sono merluzzi, aringhe, sardine, barili di vongole e cozze. Una bancarella espone in bella mostra una fila di anguille, un'altra una testuggine gigante, appesa per le zampe e pesante quanto un cavallo. I granchi zampettano in barili di alghe e salamoia. Quentyn Martell vede parecchi venditori friggere tranci di pesce con cipolle e barbabietole, oppure proporre stufato piccante di pesce cotto in piccole pentole di ferro.[1]

La piazza può essere affollata anche di notte.[2]


Eventi recenti

La danza dei draghi

Mentre il principe Quentyn Martell e Gerris Drinkwater tornano dal porto e si dirigono verso la Casa del Mercante, passano dalla Piazza della Pescheria. Il principe vede i mercanti di pesce schierati in forze che offrono a gran voce il pescato del mattino e Quentyn resce a stento a cogliere una parola su due, ma non ha bisogno di capire che cosa dicono per riconoscere il pesce. Vede inoltre una piccola folla radunata nei pressi della statua in mezzo alla piazza per assistere allo spettacolo improvvisato di alcuni nani: ricoperti con delle corazze di legno, quei cavalieri in miniatura si apprestano a giostrare. Quentyn vede uno di loro salire sul dorso di un cane, un altro balza in groppa a un maiale.[1]

Mentre si trova incatenato in una stanza nella Casa del Mercante, Tyrion Lannister nota che una delle due finestre nella stanza è affacciata sulla Piazza della Pescheria. Tyrion scopre di poter guardare fuori da quest'ultima finestra piegandosi e usando l'anello di ferro come punto d'appoggio. La piazza è affollata anche a quell'ora di marinai schiamazzanti, puttane in cerca di clienti e mercanti impegnati a concludere affari. Una sacerdotessa rossa passa in fretta, accompagnata da una decina di accoliti muniti di torce, con le vesti che vorticano intorno alle caviglie. Altrove due giocatori di cyvasse si sfidano davanti a una taverna mentre uno schiavo accanto a loro regge una lanterna per illuminare il tavolo. Tyrion sente una donna cantare, con parole strane, una musica delicata e triste. Più vicino, una folla si sta radunando intorno a due giocolieri che si lanciano delle torce ardenti.[2]


Fonti e note

  1. 1,0 1,1 La danza dei draghi, Capitolo 6, L'Uomo del Mercante (Quentyn I).
  2. 2,0 2,1 La danza dei draghi, Capitolo 27, Tyrion.
Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti