Porta delle Foche

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.

La Porta delle Foche è il principale varco d'accesso alla città di Porto Bianco nel Nord.[1]


Descrizione

Sulla sommità del portale, svettano uno o più tritoni, l'emblema della Casa Manderly, signora della città.[1]


Eventi recenti

La danza dei draghi

Due lancieri con lo stemma dei Manderly appuntato sul petto sono di guardia alla Porta delle Foche. Essi sono tuttavia troppo intenti a flirtare con una prostituta per notare Davos Seaworth, giunto a Porto Bianco in veste di emissario di re Stannis Baratheon. Il portale è aperto, la saracinesca alzata. Il Cavaliere delle Cipolle entra in città mescolandosi all'altra gente.[1]

Un criminale viene giustiziato al posto di Davos su ordine di Lord Wyman per far credere ai Frey che i Manderly siano fedeli al Trono di Spade. La testa e le mani mozzate dell'uomo sono esposte sopra la Porta delle Foche. Le dita della mano sinistra dell'ucciso sono state accorciate come quelle del cavaliere e fra i suoi denti è stata posta una cipolla. La testa è stata immersa nel catrame ma, a quanto si dice, le cornacchie hanno comunque banchettato con gli occhi.[2]


Fonti e note

Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti