Rafford

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.
Rafford
Raff.jpg
Raff by FFG

Alias

Raff Dolcecuore

Affiliazione

Casa Clegane

Cultura

Terre dell'Ovest

Libri

Lo scontro dei re - appare
Tempesta di spade - menzionato
Il banchetto dei corvi - appare
La danza dei draghi - menzionato
The Winds of Winter - appare

Rafford più conosciuto come Raff Dolcecuore è un soldato a servizio di ser Gregor Clegane.


Indice

Aspetto e carattere

Rafford parla a voce bassa e ha una massa di capelli color sabbia. E' crudele e sadico.[1]

Quando Jaime Lannister arriva ad Harrenhal nota che Rafford indossa la collana di monete appartenuta a Vargo Hoat. Pensa che Rafford sia più audace degli altri Uomini della Montagna e nota che non è ubriaco quanto Bocca di Merda.[2]

Eventi recenti

Lo scontro dei re

Raff Dolcecuore è uno dei soldati fedeli a ser Gregor Clegane ed è nel gruppo che cattura Arya Stark, Gendry e Frittella nelle Terre dei Fiumi. Nota che Lommy è ferito e gli chiede, con tono preoccupato, se va tutto bene:

Raff:«Puoi camminare?»

Lommy: «No. Mi dovete portare.»
Raff: «Tu dici?»


Dopo di che affonda la lancia nella gola del bambino e sghignazza mentre lo guarda morire.[3]

Mentre sono diretti ad Harrenhal, Raff rompe il cranio a un bambino di tre anni con una mazza chiodata e ammazza la madre, che non smette di urlare. Poco dopo Chiswyck ricorda che Rafford ha ucciso il figlio del proprietario di una birreria quando racconta dello stupro di gruppo avvenuto nel locale.[4] Per aver ucciso Lommy e per le azioni crudeli commesse, Arya aggiunge Rafford alla sua Lista dell'Odio.[1]

Raff lascia poi Harrenhal insieme a lord Tywin Lannister, nell'avanguardia dell'esercito con ser Gregor Clegane, uscendo così inconsapevolmente dalla portata di Arya, che non lo può più scegliere come prossimo obiettivo per Jaqen H'ghar.[5]

Partecipa alla Battaglia dei Guadi seguendo gli ordini di ser Gregor e riesce a guadare il Tridente in quanto uno dei suoi uomini migliori. Sopravvive alla battaglia del Mulino di Pietra e riesce a ritirarsi quando ser Edmure Tully si lancia al contrattacco con le riserve.[6]


Tempesta di spade

Arya Stark ricorda le atrocità commesse da Rafford e le racconta ad Harwin e agli altri membri della Fratellanza senza Vessilli quando lei e Gendry vengono catturati vicino all'Occhio degli Dèi.[7]

Raff continua a essere incluso nella lista di Arya, anche se la bambina fatica a ricordarsi il volto suo e quello degli altri Uomini della Montagna.[8]


Il banchetto dei corvi

Quando ser Jaime Lannister si ferma ad Harrenhal incontra i membri rimasti degli Uomini della Montagna e nota che Rafford è il più audace del gruppo. Dopo che ser Bonifer Hasty si rifiuta di permettere loro di rimanere, Jaime decide di portarli con sé a Delta delle Acque per usarli durante l'assedio.[2] A seguito della caduta del castello, a Rafford viene ordinato di scortare ser Robin Ryger e ser Desmond Grell a Maidenpool e assicurarsi che arrivino vivi, così che poi partano alla volta della Barriera.[9]


La danza dei draghi

Ser Kevan Lannister suggerisce che ser Harys Swyft prenda degli Uomini della Montagna da aggiungere alle sue guardie.[10]


The Winds of Winter

Quando ser Harys Swyft viene mandato a Braavos per parlare con la Banca di Ferro di Braavos, Rafford lo accompagna in qualità di guardia. Assistono a uno spettacolo teatrale alla Porta, un teatro della città. Arya Stark, che ha l'identità dell'attrice "Mercy", lo riconosce tra la folla, lo seduce e lo attira nella sua stanza poi, quando lui ormai s'è tolto tutti i vestiti, lo pugnala nella coscia, impedendogli di camminare. Arya si allontana fingendo sorpresa e shock, mentre Rafford, alla vista del sangue che sgorga dalla ferita, va nel panico e le chiede di chiamare un guaritore. Quando Arya gli chiede come faranno ad andare dal guaritore, lui risponde:

Raff: «Mi devi portare.»
Arya: «Tu dici?»


Arya dice esattamente le stesse parole che Rafford aveva detto a Lommy prima di ucciderlo. Arya lo pugnala alla gola, poi getta il cadavere nei canali, così che venga mangiato dalle anguille.


Fonti e note

Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti