Randyll Tarly

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.
544px-Tarly.png
Randyll Tarly
544px-Tarly.png

Titoli

Lord della Collina del Corno

Giudice supremo

Maestro delle leggi

Affiliazioni

Casa Tyrell

Sposa

Melessa Florent

Libri

Il trono di spade - Menzionato

Lo scontro dei re - Appare

Tempesta di spade - Menzionato

Il banchetto dei corvi - Appare

La danza dei draghi - Appare

Randyll Tarly è il Lord della Collina del Corno e il Capo della Casa Tarly. E' sposato a Melessa Florent ed è il padre di un personaggio con PdV, Samwell Tarly. In battaglia Randyll brandisce l'ancestrale Veleno del Cuore, uno spadone in Acciaio di Valyria.

Indice


Aspetto e carattere

Randyll è un uomo magro e calvo, con una corta ed ispida barba grigia.[1] E' un uomo basso ma dalla volontà di ferro, scaltro ed esperto. E' considerato uno dei migliori comandanti di Westeros.


Storia

Randyll Tarly è considerato uno dei migliori guerrieri di Westeros. Durante la Ribellione di Robert il suo esercito inflisse alle forze di Robert l'unica sconfitta subita, nella celebre Battaglia di Ashford. Essendo molto rigido, rimane deluso dal suo gentile e timido primogenito, Samwell e fa molti, severi tentativi per coinvolgerlo nelle attività marziali, ma tutti senza ottenere alcun effetto. Alla fine Melessa Florent dà alla luce un altro figlio, Dickon, e mentre i due fratelli crescono diviene evidente che il secondogenito è il figlio che Randyll avrebbe voluto come erede. Randyll permette a Samwell di continuare le sue tranquille attività finché non raggiunge l'età adulta; allora minaccia di ucciderlo se il giovane non scegliesse di unirsi ai Guardiani della Notte, rinunciando così ai suoi diritti sulla Collina del Corno. [2]


Eventi recenti

Lo scontro dei re

Quando Renly Baratheon riunisce i suoi vessilli, Randyll si unisce alla Casa Tyrell nel sostenerlo. [1] Nell'accampamento, Dickon lo avverte di un gioco crudele che alcuni dei cavalieri stanno facendo a Brienne di Tarth. Randyll convoca Brienne per informarla che alcuni degli uomini facevano scommesse su chi sarebbe stato il primo a prendere la sua verginità, e le dice concisamente che non c'è posto per una donna sul campo di battaglia. [3] Dopo la fallita trattativa con Stannis Baratheon sotto le mura di Capo Tempesta, Lord Randyll consiglia di attaccarlo per assicurarsi che non ottenga alcuna forza mentre Renly è lontano.[4] Prima che la battaglia possa avvenire, Renly viene assassinato. Successivamente, Randyll continua a seguire i Tyrell nella scelta di schierarsi contro la causa di Stannis,[5] impossessandosi delle scorte di Renly e mettendo a morte un gran numero di uomini, soprattutto quelli leali alla Casa Florent, la famiglia di sua moglie.[6] Randyll è inviato insieme a Lord Mathis Rowan a cercare Lord Tywin Lannister per portarlo alle Cascate Tumbler dove Lord Mace Tyrell sta aspettando con una grande armata e una flotta di chiatte.[7] Seguendo ancora una volta gli ordini del suo signore, si unisce ai Lannister e combatte contro Stannis, comandando le forze centrali dell'esercito nella Battaglia delle Acque Nere.[8] Per questo, Randyll riceve un encomio per i suoi servizi, sebbene l'abbandonata Fortezza di Acquachiara, appartenuta ai Florent, viene conferita a Garlan Tyrell.


Tempesta di spade

Tarly distrugge una forza di Uomini del Nord che ha attaccato la città di Duskendale, catturando Harrion Karstark e Robett Glover, mentre Ser Helman Takkhart muore in battaglia.[9] Successivamente, prende la città di Maidenpool e si assicura la Strada del Re. [10]


Il banchetto dei corvi

Dopo la morte di Tywin Lannster, Randyll e Mathis Rowan, sono indicati da Ser Kevan Lannister come buoni candidati per il ruolo di Primo Cavaliere del Re, ma Cersei Lannister rifiuta di affidare la carica a un alfiere dei Tyrell. Randyll raccoglie le sue forze e inizia la ricostruzione di Maidenpool. Brienne lo rincontra mentre sta dispensando una severa ma imparziale giustizia nella piazza del mercato. Randyll le estorce delle informazioni circa la sua missione, ma le permette di andarsene.[3] Dopo che Brienne ritorna con le teste di alcuni membri dei Bravi Camerati, Randyll afferma che, sebbene abbia giustiziato molti fuorilegge, non era mai riuscito a trovare i loro capi.[11] Quando viene raggiunto dalla notizia dell'imprigionamento di Margaery Tyrell, Tarly marcia con la sua armata verso Approdo del Re.


La danza dei draghi

L'armata di Tarly raggiunge Approdo del Re prima del suo signore, Mace Tyrell. il Credo rilascia Margaery e le sue cugine e le affida alla sua custodia dopo che Tarly pronuncia il sacro giuramento di riconsegnarle per la Prova di innocenza. Per cercare di sistemare il danno che Cersei ha fatto all'alleanza tra i Lannister e i Tyrell, Kevan Lannister nomina Tarly nuovo giudice supremo (Maestro delle Leggi) nel Concilio Ristretto di Re Tommen Baratheon. [12] Kevan pensa che Tarly sia più pericoloso di Mace Tyrell. [13] Dopo la convocazione di Ser Ronnet Connington nella Sala del Trono e la decisione di tenerlo in custodia a causa dei sospetti di un suo coinvolgimento nell'attacco della Compagnia Dorata nelle Terre della Tempesta, Kevan chiede quanti armati sono giunti ad Approdo del Re al suo seguito. Randyll afferma che sono venti, la maggior parte uomini di Ser Gregor Clegane dati a Ser Ronnet da Jaime Lannister, probabilmente per sbarazzarsi di loro. Afferma che durante la sua permanenza a Maidenpool ne ha impiccato uno per omicidio e castrato un altro per stupro, e che se fosse per lui li invierebbe tutti alla Barriera, incluso Ronnet. Quando si discute dei movimenti di Jon Connington, Randyll esprime più volte i suoi dubbi sul fatto che l'uomo che sta guidando la Compagnia Dorata sia davvero lui, così come dubita che il pretendente al trono che lo accompagna sia veramente Aegon Targaryen. Critica aspramente anche le insistenze dell'Alto Passero riguardo alla prova da far sostenere a Margaery per dimostrare la sua innocenza. Kevan è certo che Tarly, così come Mace Tyrell, condivida i suoi stessi sospetti circa l'identità di Ser Robert Strong.


Citazioni di Randyll

Randyll: "Senza volere mancarti di rispetto, lady Stark, ma sarebbe stato meglio se lord Robb fosse venuto di persona a rendere omaggio al re, piuttosto che nascondersi dietro le sottane di sua madre."

Catelyn: "Re Robb sta combattendo una guerra, lord Randyll, non giocando ai tornei."[1]

Randyll a Catelyn Stark



"Io dico che lord Stannis rappresenta per te un pericolo. Evitare lo scontro significa consentirgli di diventare sempre più forte, mentre le tue forze diventeranno sempre più deboli a causa dei combattimenti. I Lannister non verranno sconfitti in un giorno. Quando avrai finito con loro, lord Stannis potrebbe essere forte quanto te…se non addirittura più forte."[4]
Randyll a Renly Baratheon



"Ci vuole molto più che non un bel mantello per andare alla carica di una falange nemica. Io guidavo l'avanguardia di Mace Tyrell quando tu succhiavi ancora il latte dalla tetta di tua madre, Guyard."[4]
Randyll a Guyard Morrigen



"Gli dèi hanno fatto gli uomini per combattere, e le donne per generare figli. Il posto di combattimento per una donna è il letto del parto."[3]
Randyll a Brienne di Tarth, nei ricordi di quest'ultima



"Che cosa siamo diventati, quindi, se sovrani e alti lord arrivano a piegarsi davanti al cinguettare dei passeri?"[13]
Randyll a Kevan Lannister, riguardo l'Alto Passero



Citazioni su Randyll

"Randyll Tarly è il più capace uomo d'arme del regno. In tempo di pace, non un'eccelsa scelta come Primo Cavaliere, ma essendo morto Tywin non c'è uomo migliore di lui per concludere questa guerra."[14]
Kevan Lannister a Cersei Lannister



"Il vero pericolo è Tarly. Un uomo di vedute ristrette ma dalla volontà di ferro e astuto, e anche uno dei migliori soldati che l'Altopiano abbia mai vantato."[13]
Pensieri di Kevan Lannister



Famiglia

Randyll
Tarly
 
Melessa
Florent
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Samwell
Tarly
 
Talla
Tarly
 
Altre due figlie
 
Dickon
Tarly


Fonti e Note


Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti