Sunfyre

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.
Sunfyre
Sunfyre.jpg
Sunfyre il Dorato – by Robert O’Leary

Alias

Sunfyre il Dorato
la Gloria di re Aegon

Affiliazione

Aegon II Targaryen

Razza

Drago

Luogo di nascita

Monte del Drago

Data e luogo di morte

130 CA, Roccia del Drago

Libri

The Rogue Prince – Menzionato
La principessa e la regina – Menzionato
Il mondo del ghiaccio e del fuoco – Menzionato
Lo scontro dei re - Menzionato

SunfyreSole di Fuoco ne La Principessa e la Regina -, anche conosciuto come Sunfyre il Dorato, è lo splendido drago maschio cavalcato da Aegon II Targaryen.[1] A quanto riportato negli scritti dell’Arcimaestro Gyldayn, è l’esemplare di drago più bello e maestoso che abbia mai solcato i cieli del Continente Occidentale e del mondo intero.[1][2]


Indice


Aspetto

Sunfyre ha scaglie che al sole rilucono come oro e membrane alari rosa pallido.[1] Nel 129 CA, è abbastanza grande per dare filo da torcere ad un avversario in battaglia.[1]


Storia

Sebbene non si conosca l’esatta data di nascita di Sunfyre, il drago è definito "giovane" nell’anno 120 CA e ciò indica che il suo uovo dev’essersi schiuso durante il regno di re Viserys I Targaryen.[2] Dagli scritti dell’Arcimaestro Gyldayn emerge inoltre che, sempre nel 120 CA, il principe Aegon Targaryen vola in sella al drago dorato, anche se non si sa quando egli l’abbia preso come sua cavalcatura.
Per ragioni sconosciute, il Gran Maestro Gerardys viene dato in pasto alla bestia.[3]


Danza dei Draghi

Sunfyre prende parte alla Danza dei Draghi a fianco del suo cavaliere, re Aegon II Targaryen. In data 129 CA,nella Battaglia di Riposo del Corvo, una delle più importanti della guerra civile, i verdi attirano i i neri in una trappola. Un falso appello d’aiuto viene lanciato a Rhaenyra Targaryen e subito accorrono la principessa Rhaenys Targaryen ed il suo drago Meleys. Aegon e suo fratello Aemond (in groppa a Vhagar) non aspettavano altro. Contro il solo Vhagar, Meleys potrebbe anche avere una possibilità di vittoria, ma essa non resiste all’attacco combinato di ben due avversari. Infine, sia la sostenitrice di Rhaenyra che la sua cavalcatura sono sconfitte e uccise. Tuttavia, solo Vhagar esce illeso dallo scontro. Sunfyre è ferito gravemente e, con un’ala in procinto di staccarsi dal corpo, non riesce più a volare.
Sunfyre il Dorato - by E. Cabrera

Il drago dorato rimane presso Riposo del Corvo perché abbia il tempo di rimettersi. L’ala malandata guarisce, sebbene con dei problemi d’apertura. Sunfyre non sarà comunque più in grado di volare come prima. Successivamente, i neri si riprendono Riposo del Corvo e Lord Walys Mooton tenta di uccidere la bestia, ma questa arde vivi i suoi aggressori e scompare. Nessuno sa dove si sia rifugiato.

Per ragioni ignote, Sunfyre fa ritorno al luogo che l’ha visto nascere, Roccia del Drago. Potrebbe essere semplicemente guidato dall’istinto, oppure, come sostengono alcuni, il drago ha sentito che Aegon II si trova lì; egli si è infatti nascosto sull’isola in seguito alla Caduta di Approdo del Re.
A Roccia del Drago, Sunfyre uccide il drago selvaggio Spettro Grigio, ma la lotta gli causa la perdita di un occhio e brutte ferite su collo, dorso e ventre. La carcassa mezzo dilaniata di Spettro Grigio è rinvenuta dalla guardia dei neri posta a protezione del castello, ma tutti pensano che questa sia opera del Cannibale, l’altro drago indomato presente sull’isola. Così, la presenza di Sunfyre rimane segreta per diverso tempo.[1]

Il drago si riunisce ad Aegon II e, ancora nascosto assieme a quest’ultimo, si riprende, in parte, dalle ferite ottenute in combattimento. Infine, gli alleati di Aegon catturano il castello in quella che viene ricordata come la Caduta di Roccia del Drago. Aegon sorvola con Sunfyre la bocca fumosa del Monte del Drago, ridiscendendo poi con l’intenzione di fare un ingresso trionfale nel cortile della fortezza. I due si vedono però venire incontro Lady Baela Targaryen in sella a Danzatore di Luna. La ragazza e il suo drago sono sfuggiti agli uomini che hanno tentato di catturarli.[1]

Danzatore di Luna è più giovane, piccolo e veloce di Sunfyre e bisogna contare che quest’ultimo non si è ancora del tutto rimesso in sesto dopo lo scontro con Spettro Grigio. I due draghi si assaltano senza posa e la cavalcatura di Baela infligge nuove ferite al drago dorato, che riesce comunque ad accecare l’avversario con la sua potente fiammata. Le bestie alate precipitano poi entrambe al suolo. Danzatore di Luna non sopravvive alla caduta, mentre il magnifico drago dorato giace mutilato e sofferente, senza più nessuna speranza di poter tornare a volare.[1]


Morte

Ridotto in condizioni pietose e costretto all’immobilità nel cortile di Roccia del Drago, Sunfyre è nutrito con carne d’ovino dalla guardia del castello. Il ventiduesimo giorno del decimo ciclo di luna del 130 CA, gli viene data in pasto Rhaenyra Targaryen, fatta prigioniera dagli uomini di Aegon.
Sunfyre spira sei settimane dopo, nel nono giorno del dodicesimo ciclo di luna, pianto dal suo cavaliere Aegon. [1]


Personaggi che cavalcano Sunfyre


Fonti e note


Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti