Varamyr

Da Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco - Wiki.
Varamyr
Varamyr.jpg
Varamyr Seipelli e i suoi animali

Alias

Varamyr Seipelli
Haggon
Lump

Cultura

Popolo Libero

Libri

Tempesta di spade (Apparizione)
La danza dei draghi (PDV)

Varamyr, meglio conosciuto come Varamyr Seipelli, è un membro del Popolo Libero. È un Metamorfo che controlla 3 lupi, un Orso delle nevi e una Pantera-ombra. [1] Prima di prendere il suo nuovo nome, era conosciuto come “Lump”. [2]

Indice

Aspetto

Varamyr è molto piccolo di statura, ha la faccia grigiastra, è calvo e con le spalle spioventi. [3]

Storia

Varamyr, al tempo conosciuto come “Lump”, usa uno dei suoi cani (Codatonda, Annusa, Ringhio) per uccidere suo fratello minore Bump. Quando il padre di Varamyr trova il corpo di Bump, i cani gli sono attorno e lo stanno annusando. Non sapendo quale dei 3 sia stato, li uccide tutti. Tuttavia, prima della morte di Codatonda, Varamyr s’infila nel corpo di quest’ultimo e ne avverte la morte. Dalla reazione di Varamyr, che non riesce a trattenere un urlo, i genitori capiscono che è un metamorfo. Il padre lo trascina nei boschi finché non arrivano da Haggon, un vecchio metamorfo che aveva informato Varamyr di appartenere alla sua specie. Haggon gli insegna come cambiar pelle nel modo giusto e le regole da seguire per gestire la sua abilità. Lo istruisce anche riguardo ai punti di forza e alle debolezze dei diversi animali e alle tecniche di sopravvivenza di base. Haggon commercia spesso con i Guerrieri della Notte ed è durante uno di questi viaggi che Varamyr comincia a sognare di vivere a sud della Barriera. Decide di prendere il nome Varamyr quando ha 10 dieci anni. Quando Haggon giace morente, Varamyr, risentito, prende possesso di Pellegrigia, il lupo che Haggon aveva scelto per la sua seconda vita. A quel punto della sua vita, Varamyr si definisce Varamyr Trepelli e, dopo aver preso Pellegrigia, Quattropelli. Nel corso degli anni, Varamyr muore altre 8 volte mentre si trova nella pelle di altre creature. Tuttavia, il suo potere cresce ed egli è conosciuto per l’entrare in battaglia in groppa ad un’Orsa delle nevi alta 13 piedi. Vive in una casa di muschio, fango e tronchi appartenuta a Haggon, circondato dalle sue belve. Una dozzina di villaggi a nord della Barriera gli versano una decima e ogni volta che ha desiderio di una donna, invia la sua pantera-ombra a stanarla; tutte le ragazze vanno da lui, alcune piangendo, altre no, ma tutte indignate. Alla fine, Mance Rayder cerca di stringere un’alleanza con Varamyr; quest’ultimo accetta ed entra a far parte dell’esercito di Mance che si assedia sotto della Barriera. [2]


Eventi Recenti

Tempesta di spade

Dopo la morte di Orell, Varamyr prende il controllo della sua aquila, che mantiene ancora dei residui di coscienza del padrone, e la usa per perlustrare il Castello Nero. Grazie all’aquila viene a sapere prima degli altri dell’arrivo alla Barriera di Stannis Baratheon. [3] Melisandre brucia l’aquila, facendo impazzire Varamyr per un breve periodo. [3] [4]

La danza dei draghi

Varamyr rivela che aveva intenzione di rubare Spettro a Jon Snow perché pensava che una seconda vita nel corpo del metalupo sarebbe stata degna di un re. Dopo la sconfitta del Popolo Libero durante la Battaglia al Castello Nero, fugge con un piccolo gruppo, nascondendo loro la sua vera identità. Uno ad uno lo abbandonano tutti, finché rimane solamente Thistle, una Moglie di lancia. Quando Varamyr cerca di entrare nel corpo della donna perché sta morendo, ella lo uccide. Egli continua a vivere nel corpo del suo lupo Un-Occhio. [2]

Citazioni

Forse quei bastardi dai mantelli neri non lo sapevano ancora, ma anche loro sarebbero periti. Il nemico stava arrivando.[2]


Note e Riferimenti


Strumenti personali
Namespace

Varianti
Azioni
Navigazione
Strumenti